BacktoWork, nasce la piattaforma che consente di investire sulla pellicola alimentare ecocompatibile
B

I più letti

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...

Venerdì 22 gennaio è iniziata la #rivoluzionegreen di Beeopak Srl, la startup nata a Torino nel 2019, produttrice dell’involucro naturale per conservare i cibi, riciclabile ed ecologico. Una soluzione anti-spreco capace di sostituire un metro quadrato di pellicola di plastica, favorendo la produzione locale e l’agricoltura sostenibile (e riducendo gli sprechi di cibo). Facilmente lavabile e riutilizzabile per più di un anno, il bees wrap tutto italiano è un modo semplice per risparmiare, non inquinando, nella quotidianità di tutti i giorni. 

LA CAMPAGNA DI EQUITY CROWFUNDING – Oggi l’azienda è pronta a cogliere una grande opportunità di crescita con il lancio della fase open della campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma BacktoWork, finalizzata all’ampliamento del brand e all’ingegnerizzazione dei processi produttivi conservando la propria artigianalità. Fino alla fine di febbraio sarà possibile investire nel progetto della startup diventandone soci, in piena trasparenza e sicurezza, anche con piccole cifre, a partire da 300€. Durante la settimana private del crowdfunding sono già stati raccolti circa 70.000 euro, ben oltre il primo obiettivo fissato per il crowdfunding. 

BEEOPACK SRL RAGGIUNGERÀ UN MILIONE DI FATTURATO IN AUTUNNO 2022 – In questi primi anni il fatturato della startup è passato da 70.000 euro, nel 2019, a 350.000 euro alla fine del 2020, attraverso l’e-commerce, la presenza nei punti vendita di Eataly, Naturasì, Cortilia, Equomercato, la collaborazione con Gruppi di Acquisto Solidale, negozi e botteghe. Nonostante le notevoli difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, il bilancio dell’anno 2020 è stato positivo e le ultime proiezioni prevedono che Beeopak Srl raggiungerà il milione di euro di fatturato entro l’autunno 2022. L’obiettivo dell’azienda torinese è consolidarsi nel mercato italiano ed entrare in quello europeo già all’inizio del 2021, affacciandosi in paesi come Belgio, Francia, Germania, Spagna, Olanda, Danimarca, Svezia e Norvegia.  

IL MERCATO DI RIFERIMENTO È QUELLO DEL GREEN PACKAGING – Per questo mercato l’Istituto Italiano Imballaggi prevede una crescita annua del 15% e attende una crescita per il segmento del packaging alimentare in grado di raggiungere un volume d’affari di 38 milioni di tonnellate a livello europeo entro il 2022.La produzione ecosostenibile in Italia vale già 6,5 miliardi di euro, prendendo in considerazione tutti i prodotti con una certificazione ambientale o che riportano nella descrizione almeno una voce riferita alla sostenibilità. 

LE COLLABORAZIONI – Nel 2019 l’azienda ha firmato una collaborazione di ricerca pluriennale con Fontis, Univerisity of Applied Sciences di Eindhoven e nel 2020 con il Politecnico di Torino. Beeopak collabora con diverse organizzazioni non profit con obiettivi ambientali, culturali e di salute, come l’Associazione Veronica Sacchi – Volontari con il Naso Rosso, Associazione CasaOz Onlus, Fondation Prince Albert II, Associazione Ambientalista MareVivo Onlus, Parco Zoo Punta Verde e anche con l’Associazione Formazione 80per l’inclusione e introduzione degli immigrati nel mondo lavorativo.

COM’È FATTO? – Il packaging, che gode della dichiarazione di conformità MOCA per essere a contatto con gli alimenti, è creato a mano con ingredienti a km 0 del territorio piemontese che godono di certificazione biologica. Il cotone certificato GOTS, materiale alla base del prodotto, è trattato con tinture a basso impatto ambientale e la cera d’api, che contribuisce a mantenere i cibi freschi più a lungo, grazie alle sue proprietà traspiranti e antibatteriche, è attinta da fornitori piemontesi che rispettano il naturale ciclo di vita degli insetti. A rendere il prodotto adesivo e facilmente applicabile ai contenitori degli alimenti è la resina di pino che, unita all’olio di nocciole IGP di Alba e Langhe, fa sì che la pellicola sia modellabile e adattabile a tutte le occasioni di wrapping. Insieme alla resina e all’olio di nocciole, la miscela protegge gli alimenti e rende il tessuto adesivo, lavabile e riutilizzabile. La ceratura non si lava via con il lavaggio perché beeopak usa l’esclusivo tessuto filato appositamente per trattenerla al meglio.  

Beeopak è creato in fogli quadrati di diverse dimensioni e fantasie ed è disponibile in sette confezioni, contenenti da uno a cinque imballaggi, e gli sfusi entrambi in quattro fantasie. È acquistabile sul sito internet: www.beeopak.com 

Le ultime

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.