Pesca sostenibile, Commissione europea e chef insieme per il consumo corretto di pesce e frutti di mare
P

I più letti

Arrivano i monopattini sostenibili, la seconda vita delle reti da pesca riciclate

Micro Mobility Systems, l’azienda svizzera, fondata da Wim Ouboter che ha inventato nel 1999 il monopattino, realizza per la prima volta...

“Oltre 2000 bovini in mare da due mesi. L’UE vieti il trasporto degli animali vivi”

"In qualità di vice presidente delI’Intergruppo sul benessere animale, non posso che manifestare una profonda indignazione per la situazione...

Cambiamenti climatici, al via la nuova strategia UE per costruire un futuro resiliente

La Commissione europea ha adottato oggi una nuova strategia dell'UE di adattamento ai cambiamenti climatici che definisce il cammino...

La Commissione europea ha avviato “Il mare in bocca“, una nuova campagna sui social media in cui grandi chef incoraggiano il consumo di pesce e frutti di mare catturati o prodotti in modo sostenibile. La campagna arriva in un momento in cui pescatori e acquacoltori si trovano ad affrontare l’impatto economico delle misure sanitarie legate alla lotta contro la pandemia di COVID-19, come i vari blocchi o la chiusura di ristoranti e servizi di ristorazione, che rappresentano i principali sbocchi per i loro prodotti.

Si tratta di una campagna che intende sensibilizzare i consumatori sull’importanza di consumare cibi locali, stagionali e sostenibili: se prodotti o catturati correttamente infatti, pesce e frutti di mare possono occupare un posto importante in una dieta sostenibile, con un’impronta ambientale e di carbonio molto più bassa rispetto alla maggior parte delle proteine animali di origine terrestre.

Il Commissario Europeo per l’ambiente, gli oceani e la pesca Virginijus Sinkevičius, ha dichiarato: “La responsabilità dei consumatori è fondamentale per conseguire abitudini più sostenibili. Collaborando con alcuni degli chef più famosi d’Europa, vogliamo sensibilizzare i consumatori all’importanza che le scelte individuali quanto a prodotti ittici hanno per la salute dei mari, e al tempo stesso vogliamo sostenere i produttori acquicoli dell’UE e appoggiare il recupero sostenibile delle nostre zone costiere.

Nei prossimi tre mesi i migliori chef di nove paesi dell’UE (Belgio, Danimarca, Francia, Grecia, Italia, Paesi Bassi, Portogallo, Romania e Spagna) condivideranno le loro ricette a base di pesce e crostacei. Altri paesi seguiranno alla fine dell’anno. Nel corso della campagna, la Commissione presenterà anche le sfide e le complessità del settore. Sin dall’inizio della pandemia di COVID-19, la Commissione ha adottato una serie di misure temporanee e mirate rivolte alle sfide che la comunità dei prodotti ittici deve affrontare, quali modifiche eccezionali e misure di flessibilità del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca per una ridistribuzione semplificata delle risorse finanziarie.

Le ultime

Il Ministero della Transizione Ecologica senza biodiversità, Lipu: “Grave, inviate 5 proposte”

Nell'augurare ancora una volta buon lavoro al ministro Cingolani, e tuttavia nell'esprimere dispiacere perché l'appello a mantenere, per il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.