Rifiuti, al Mondiale Cortina 2021 il contatore ambientale: così avverrà la mappatura della differenziata
R

I più letti

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...

Arriva a Cortina il Contatore ambientaleFondazione Cortina 2021 ha definito, grazie al supporto di CONAI – Consorzio Nazionale Imballaggi – e al lavoro tecnico di EAmbiente lo strumento di misurazione dei benefici generati da un efficiente sistema integrato di gestione dei rifiuti urbani, del minore impatto rispetto al conferimento indifferenziato in discarica e della sua trasformazione in un nuovo oggetto.

Il modello che sarà applicato in febbraio ai Mondiali di Sci Alpino 2021 si basa sul metodo scientifico del Life cycle assessment (LCS) per la valutazione degli impatti ambientali attraverso l’identificazione dei consumi energetici e dei materiali, dei mezzi e delle apparecchiature usate, e conseguentemente delle emissioni rilasciate in atmosfera. L’analisi di base è relativa alla vita materiale dal momento in cui diventa rifiuto fino alla preparazione per la trasformazione in nuovo prodotto, materia prima da riutilizzare. Una volta raccolti i dati sulla quantità di rifiuti raccolti e suddivisi nelle varie frazioni, a finire sotto esame sono tutti i passaggi sulle attività che occorrono per rigenerarli e renderli riutilizzabili in nuovi prodotti. Si usano, ad esempio, i dati relativi ai mezzi di trasporto e di movimentazione all’interno degli impianti, il relativo consumo di carburante, la produzione di ulteriori scarti, gli scarichi in acqua e le emissioni in aria dovuti ai processi di trattamento. I risultati vengono elaborati attraverso un set di indicatori in grado di restituire dati e cifre che esprimono in maniera sintetica i vantaggi della raccolta differenziata rispetto a uno scenario in cui i rifiuti vengono destinati esclusivamente alla discarica:

• emissioni di CO2 risparmiate;

• minore consumo di acqua;

• energia elettrica non consumata;

• ri-prodotti confezionati con materiale riciclato;

• materie prime vergini risparmiate per produrre nuovi oggetti.

Grazie ad un contatore analogo a quello che fu realizzato per Expo Milano 2015, il Mondiale di Cortina 2021 potrà così valutare i reali benefici ambientali, economici e sociali generati da una corretta gestione dei rifiuti e quindi di un comportamento individuale corretto, durante tutte le fasi di raccolta, trasporto, pre-trattamento e recupero dei rifiuti. Si tratta di un contatore che ad oggi è stato tarato sulla raccolta del Comune di Cortina relativamente all’anno 2019 – non essendoci stato il test event delle Finali 2020 – e rimarrà quindi come strumento che il Comune erediterà, per mappare anno dopo anno l’andamento della raccolta differenziata comunale, come già fatto dal 2019 per il Comune di Milano. In particolare, e per fare un esempio, la corretta separazione dei rifiuti nell’ambito del Comune di Cortina nel 2019 ha consentito la mancata emissione di 1.145 tonnellate di COe il risparmio di 7,5 MWh di energia elettrica e di oltre 798 metri cubi di acqua. Ma non solo, i quantitativi raccolti ed avviati a riciclo permettono di produrre tanti nuovi oggetti di utilizzo comune, come ad esempio: 347.394 felpe di pile in plastica (PET), 2.895 panchine prodotte con plastiche miste, 154.555 chiavi inglesi di acciaio e 811.729 caffettiere moka di alluminio, più di 2.000 armadi di legno, quasi 4,5 milioni di scatole di scarpe in carta e cartone e 3.473.942 bottiglie di vetro, per citare solo alcuni dei prodotti, o meglio ri-prodotti, più comunemente generati a partire da materia prima totalmente riciclata.

Le ultime

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.