Birmania, Coldiretti: “Agevolazioni UE ai militari golpisti”
B

I più letti

Mascherine gratis sugli autobus per gli studenti, il caso di Verona: un’azienda ne regala 10mila

A partire da questi giorni, su tutti gli autobus della città e della provincia di Verona saranno disponibili...

Onu: “Sono 75 i Paesi al mondo a produrre il 30 per cento di Co2, serve un taglio del 45”

Settantacinque paesi al mondo, che producono il 30% delle emissioni globali di gas serra, hanno preso impegni per ridurle...

“Italia promontorio d’Europa nel Mediterrano” ma il mare è il grande assente dal Recovery Plan: l’intervista a Rosalba Giugni

E’ di oggi la notizia dell’istituzione di un Comitato Interministeriale per la transizione ecologica (CITE) alla presidenza del Consiglio...

La Birmania (Myanmar) gode di un sistema di preferenze generalizzato con l’UE che si concretizza nell’applicazione dell’accordo EBA (tutto tranne le armi) che consente al Paese asiatico di esportare in Europa tutto senza dazi, tranne appunto le armi”. E’ quanto denuncia la Coldiretti in riferimento alla decisione dell’Australia di riesaminare i suoi impegni di aiuti alla Birmania senza escludere sanzioni contro i militari golpisti. 

Il regime di aiuti concesso dall’Unione Europea ha comportato – sottolinea la Coldiretti – ingenti aumenti delle esportazioni soprattutto nel campo del tessile e alimentare. Gli arrivi in Italia di riso birmano fanno registrare un balzo del +80,5% nei primi dieci mesi del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo l’analisi della Coldiretti sulla base dei dati Istat. 

L’aumento delle importazioni dalla Birmania – denuncia Coldiretti – è destinato inevitabilmente a sostenere i golpisti in divisa al centro dell’accusa di violazione dei diritti umani e “genocidio intenzionale” per i crimini commessi contro la minoranza musulmana dei Rohingya. 

Alla luce del colpo di Stato è quindi necessario – afferma la Coldiretti – attivare al più presto la sospensione totale del regime agevolato EBA (tutto tranne le armi), concesso dall’Unione Europea.  Il paese asiatico infatti continua a godere delle esenzioni tariffarie sulle produzioni di riso della varietà Japonica che sono sospese, invece, per la varietà Indica per la decisione UE di applicare la cosiddetta clausola di salvaguardia. Nell’ambito dei negoziati internazionali per gli accordi di libero scambio il riso, sia Japonica che Indica, – sostiene la Coldiretti – deve essere considerato un prodotto “sensibile” dalla Commissione Ue, evitando concessioni all’import nelle situazioni di mancato rispetto del diritto internazionale. 

L’Italia – conclude la Coldiretti – è il maggior produttore europeo di riso, con 228 mila ettari coltivati e 4 mila aziende agricole che raccolgono 1,50 milioni di tonnellate di risone all’anno, pari a circa il 50% dell’intera produzione Ue e con una gamma varietale unica e fra le migliori del mondo.

Le ultime

Mascherine gratis sugli autobus per gli studenti, il caso di Verona: un’azienda ne regala 10mila

A partire da questi giorni, su tutti gli autobus della città e della provincia di Verona saranno disponibili...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.