Giornata mondiale dei legumi, le iniziative per celebrarla della rete Slow Beans
G

I più letti

Green jobs, la Sapienza è in cerca di giovani provenienti dalle isole (e disposti a viaggiare)

Sono riaperte le iscrizioni di giovani NEETs (dall'inglese Not engaged in Education, Employment or Training), provenienti dalle piccole e...

Covid Lombardia, sos medici: “Aghi per vaccino sbagliati”

(Adnkronos) Aghi sbagliati per la somministrazione del vaccino Pfizer contro Covid-19, soluzione fisiologica avvolta in pellicola trasparente senza confezionamento...

“Tree Time” e oltre: è online il nuovo spazio virtuale dedicato alla mostra temporanea del MUSE

Thriller botanici, video-interviste e tante curiosità sull’universo vegetale. La nuova landing page della mostra temporanea “Tree Time – Arte e scienza per una nuova alleanza con la...

Sono un cibo semplice, umile, e forse per questo si prestano poco a esprimere il loro immenso potenziale. Per fortuna, oggi si è acceso un faro su queste magnifiche piante e le loro proprietà benefiche per l’uomo e per l’ambiente sono ormai indiscusse. I legumi non solo hanno un alto valore nutrizionale, grazie al grande apporto di proteine e altri nutrienti essenziali, ma sono anche fondamentali per garantire la fertilità del suolo, grazie alla loro capacità di fissare l’azoto. 

Nella Giornata mondiale dei Legumi, il 10 febbraio alle ore 17:00, la rete Slow Beans ci racconta le proprie origini e l’iniziativa Let It Bean che coinvolge produttori, cuochi e i sindaci delle città italiane coinvolte. Saranno presenti altri produttori di legumi della rete Slow Food nel mondo, insieme a scrittori, scienziati e rappresentanti delle organizzazioni internazionali impegnati nella promozione e valorizzazione di questi piccoli gioielli di sostenibilità.

Le lingue dell’evento sono Italiano e Inglese, clicca qui per registrarti 

Le Food Talk

10 febbraio ore 15 – Il diritto umano a un’alimentazione adeguata

Ana Paula Bortoletto, nutrizionista brasiliana, si focalizza sul diritto di tutti a un’alimentazione adeguata. Tutti dovrebbero avere accesso ad alimenti sani e salutari, ad alimenti sostenibili, al cibo vero. Dovremmo altresì disincentivare il consumo di prodotti ultra-raffinati, ovvero tutte quelle formulazioni industriali, che ben poco contribuiscono alla salute umana, e anche alla tutela dell’ambiente. Questo il link per seguire la Food Talk

11 febbraio ore 15 – Le connessioni tra distruzione ecologica, pandemie umane e il cibo che mangiamo

Tenete un posto libero per assistere all’appuntamento di David Quammen, acclamato autore del bestseller internazionale Spillover. Quammen ci dice che esistono connessioni tra virus, distruzione ecologica, pandemie umane e il cibo che mangiamo. Tutte le scelte che compiamo come individui e comunità hanno conseguenze che influiscono sulla salute degli animali, degli ecosistemi e sulla nostra. Questo concetto è definito “one health” dagli scienziati, per sottolineare come la salute sia una e unica. In questo discorso c’entrano anche i virus che sono normali, naturali. Viviamo in un pianeta di virus che, a volte, saltano da un ospite non umano a un esser umano compiendo il cosiddetto spillover. Clicca qui per assistere alla Food Talk, sempre disponibile sulla piattaforma di Terra Madre

Vi anticipiamo l’appuntamento Sandor Katz – Le meraviglie della fermentazione, il 17 febbraio a partire dalle 15, in cui colui che è considerato il guru di questa tematica ce ne svela segreti e sfumature. Questo il link per assistere.

Nei Come si fa? questa settimana viaggiamo lontano e impariamo a cucinare il pesce leone secondo una ricetta caraibica o lo spezzatino di lampreda(o pesce serpente) scoprendo i segreti della cucina azera.

Laboratori del Gusto

Cominciamo già a segnalarvi Caffè: dalla pianta alla tazzina, un appuntamento da non perdere in calendario il 24 febbraio alle 17 a cura di Lavazza. Un viaggio dalla pianta alla tazzina lungo la via del caffè, da gustare con l’assaggio di singole origini tra le più rappresentative al mondo, dalla Colombia al Brasile, passando per il Perù. Grazie al kit in dotazione si può seguire l’intero processo di raccolta, di produzione e di tostatura del caffè, dalla pianta alla tazzina, concludendo con una degustazione di tre origini in purezza preparate con due sistemi di estrazione, dal plunger alla caffettiera Moka Carmencita. Il kit contiene tutti gli ingredienti e gli strumenti per la degustazione ed è acquistabile online fino al 17 febbraio. 

Le ultime

“Italia promontorio d’Europa nel Mediterrano” ma il mare è il grande assente dal Recovery Plan: l’intervista a Rosalba Giugni

E’ di oggi la notizia dell’istituzione di un Comitato Interministeriale per la transizione ecologica (CITE) alla presidenza del Consiglio...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.