Le luci di Bulgari che hanno assassinato l’altare della pace
L

I più letti

Rifiuti organici, arriva la compostiera domestica che fa risparmiare sull’energia e sui rifiuti

ENEA ha brevettato un’innovativa compostiera per trasformare i rifiuti organici domestici in compost con elevate qualità agronomiche e nel...

Lo smog a Torino provoca 900 morti l’anno: arrivano gli avvisi di garanzia per vertici di Comune e Regione

“L’inchiesta avviata dalla procura di Torino per inquinamento ambientale iscrive nel registro degli indagati vertici e amministratori a più...

Usa, “La carbonara al pomodoro tradisce il Made in Italy”. Il business dei falsi vale oltre 100 miliardi di euro

La carbonara al pomodoro è la punta dell’iceberg della falsificazione del Made in Italy a tavola che nel mondo...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

Quando un’impronta del passato viene esibita, significa che non vive più nei costumi di un popolo e che quindi, è morta assassinata. Ho sempre provato un prorompente senso di malinconia di fronte a teche ben illuminate (in questo caso con un atto di mecenatismo da parte di Bulgari) che imprigionano, mortificano e imbavagliano le idee sempre attuali di chi ci ha preceduto.

Questo sarebbe stato il luogo sacro della pace romana, votato alla prosperità di una civiltà che aveva trovato nell’ordine sociale il compimento della propria idea di stato. A un miglio esatto da qui, al pomerium, il console di rientro da una spedizione militare perdeva il comando sulle sue milizie e rientrava in possesso dei propri poteri civili. Potrebbe vivere ancora sotto il cielo azzurro della Capitale, votata nel terzo millennio ad offrire ancora il proprio servizio alla città, di fronte allo scorrere del fiume e tra la gente che corre avanti e indietro per il Lungotevere. Potrebbe ricordare a chi passa che non esiste massima autorità che possa entrare in armi dentro i confini sacri della propria città, minacciando formalmente il popolo che al suo interno si identifica e si sente al sicuro. Potrebbe ricordare che le regole sociali (politiche, amministrative e religiose insieme) impongono di riconoscere sempre il termine (latinamente inteso) di ciò che porta beneficio alla collettività e di ciò che contrariamente, espone la collettività al rischio. E che questo termine è sacro.

E invece sta lì, una miniatura soffocata da ignoranti cassettoni di acciaio bianco e migliaia di luci LED posizionate per ricordare a chi guarda lo scintillio dei gioielli dell’azienda che l’ha finanziate, che la schiacciano e le suggeriscono di rimpicciolirsi, ridimensionarsi, abdicare ad essere quello che è: la testimonianza del fatto che una società in cui prevalga l’interesse collettivo su quello particolare, non è quella che stiamo costruendo. Un’evocazione pericolosa, in tempo di oligarchia. Eppure, sappiamo che non basteranno cassettoni d’acciaio – seppur sgraziati che siano – che possano smettere di far battere il cuore delle idee. Le idee non abdicheranno mai e brilleranno anche al buio, senza i LED.

Le ultime

Fagiolo tondino del Tavo, il piccolo legume riscoperto da un ristoratore, oggi è Presìdio Slow Food

Piccolo, tondeggiante e chiaro: si presenta così il fagiolo tondino del Tavo, appena entrato a far parte della famiglia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.