Alla Transizione Ecologica avrebbe ragione il biologo o l’economista? Qualcuno ha incastrato Mario Draghi
A

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

All’improvviso l’ambiente si trova al centro della scena: partito in sordina senza che neanche nessuno si curasse di capire chi potesse sostituire Sergio Costa (come avevamo già scritto qui), arriviamo a oggi in cui il capo del dicastero verde dovrebbe fondere in sé addirittura due enormi ministeri: quello dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per l’appunto e il Ministero dello Sviluppo Economico, sotto il grillino cappello del Ministero per la Transizione Ecologica. Quindi, oltre ad essersi accorti nel giro di 24 ore che non solo l’ambiente ha bisogno di una guida competente, ma che – udite, udite! – a questo giro ci sono pure i soldi del Recovery Fund da spendere, hanno alzato il tiro e raddoppiato la posta. E puntuale come un orologio svizzero, è arrivato pure il totonomi. Walter Ganapini, tra i fondatori di Legambiente, con una enorme esperienza nella gestione delle aziende di raccolta rifiuti? Catia Bastioli, amministratrice delegata di Novamont, inventrice della cosiddetta chimica verde? Non si sa, per il momento basta il nome ridondante del super-ministero. 

Ma Mario Draghi si è fatto incastrare dai grillini, dagli ambientalisti o dal Presidente Mattarella? Perché – leggiamo sul sito dell’attuale Ministero dell’Ambiente – un “Dipartimento per la transizione ecologica e gli investimenti verdi” già esiste ed è alle dirette dipendenze del capo di via Cristoforo Colombo. Peraltro, è scritto che le sue funzioni sarebbero quelle di curare “le competenze in materia di economia circolare, contrasto ai cambiamenti climatici, efficientemente energetico, miglioramento della qualità dell’aria e sviluppo sostenibile, cooperazione internazionale ambientale, valutazione e autorizzazione ambientale e di risanamento ambientale”, ovvero esattamente quanto prospettato da Grillo nel vademecum sulla nuova forma dell’ambiente italiano. E poi, quale sarebbe il costo di spesa pubblica per sostenere una fusione di due colossi che è vero debbano intersecarsi, ma che a tratti trattano tematiche e competenze lontane anni luce? Cioè, al nuovo Ministero della Transizione Ecologica, avrà ragione il biologo o l’economista? L’etologo o l’analista? E i tempi, quali saranno i tempi di realizzazione considerando che i fondi del Recovery Fund saranno sottoposti alle prime valutazioni già quest’anno?

Se sia il primo scivolone per l’ex governatore della BCE noi non lo sappiamo, ma certo è che che qualche macchia andrebbe lavata via subito.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.