Roberto Cingolani nuovo Ministro per la Transizione Ecologica: si avvia l’era della visione industriale dell’ambiente?
R

I più letti

Una “green belt” contro il consumo di suolo e la critica alla transizione ecologica globalista: la ricetta verde di Fratelli d’Italia

La visione ecologica di Fratelli d'Italia nell'intervista a Nicola Procaccini: dalla "cinta verde urbana" che regola il consumo di...

Cultura, Franceschini a lavoro per una nuova legge per l’editoria

“L’editoria ha bisogno di una legge di sistema al pari di quanto accade nel settore cinematografico e audiovisivo”.  Lo...

Giornata della Fauna Selvatica: specie per specie, il report italiano di Legambiente

Grifone, lontra, tritone, trota mediterranea, orso bruno marsicano, ma anche delfino comune e tartaruga Caretta Caretta tra le specie...
Avatar
Elena Livia Pennacchioni
Vedo il mondo da 1 metro e 60, l'altezza al garrese del mio Attila. Sono l'addetta stampa della biodiversità, romana di nascita e veronese d'adozione, ma con il cuore ha in Umbria. Scrivo di animali, piante e qualche volta di come l'uomo riesce a salvarli!

È il fisico italiano Roberto Cingolani il numero uno del ministero della Transizione Ecologica, nato insieme al nuovo governo di Mario Draghi appena annunciato all’uscita dal Quirinale.

Cingolani, fino a ieri Chief Technology & Innovation Officer di Leonardo dal settembre 2019, ha un curriculum pertinente per affrontare il complesso passaggio tutto spinto verso un’“economia verde” che l’Europa prospetta. Roberto Cingolani conta infatti esperienze nei maggiori centri di ricerca dagli Usa al Giappone alla Germania e, prima di entrare in Leonardo, è stato Direttore Scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) di Genova da lui stesso fondato nel 2005 e dove ha messo in campo azioni dagli orizzonti visionari.

Tuttavia, come una parte del mondo ambientalista aveva già lamentato nelle ore passate, si tratta della conferma di ciò che si andava preconfigurando: l’ambiente si avvia ad essere trattato non seguendo la questione scientifica, ovvero l’unica di prendere in carico il vero problema ecologista, è cioè la conservazione delle risorse naturali di fronte ad un invasione sempre più pressante da parte delle attività umane (e non fanno eccezione quelle “green”); ma percorrendo il sentiero pericoloso di una visione industriale dell’ambiente, tutta votata alla riconversione energetica più che alla tutela degli equilibri ecosistemici.

Che fine farà la grande sfida della convivenza tra uomo e fauna selvatica? Da chi verrà preso in carico il tema dell’invasione delle specie aliene che tutt’ora, rappresenta la prima minaccia alla biodiversità locale? E come coniugherà il fisico Cingolani, il consumo di suolo necessario all’espansione delle energie rinnovabili, oggetto di gran parte dei fondi del Recovery Fund? Non c’è dubbio che lo sapremo presto.

Le ultime

Aree protette dimenticate dal Recovery Plan, Sammuri in Senato: “Si sblocchino almeno i fondi già esistenti, ecco nove proposte”

Federparchi ha illustrato anche al Senato le proposte di modifica al Piano Nazionale per la Resilienza e la Ripresa  (Recovery...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.