Tessile e moda sostenibile: al Museo del tessuto una nuova sezione dedicata alla circular economy
T

I più letti

Una “green belt” contro il consumo di suolo e la critica alla transizione ecologica globalista: la ricetta verde di Fratelli d’Italia

La visione ecologica di Fratelli d'Italia nell'intervista a Nicola Procaccini: dalla "cinta verde urbana" che regola il consumo di...

Arance Rosse di Sicilia, annata straordinaria per qualità, ma il mercato è in crisi

La raccolta delle arance rosse di Sicilia IGP entra nell’ultima fase della campagna 2020/2021. Negli 80 ettari di agrumeti di...

Aree protette dimenticate dal Recovery Plan, Sammuri in Senato: “Si sblocchino almeno i fondi già esistenti, ecco nove proposte”

Federparchi ha illustrato anche al Senato le proposte di modifica al Piano Nazionale per la Resilienza e la Ripresa  (Recovery...

Una borsa in pelle realizzata dagli scarti della mela, pelle vegana dalle foglie del cactus messicano, scarpe che impiegano cellulosa estratte da foglie di ananas, tessuti in cashmere e lana riciclati, materiali in lino e cotone esclusivamente biologici, fibre in nylon riciclato o in poliestere biodegradabile in acqua marina, maglieria in denim riciclato.

Questi sono solo alcuni dei prodotti innovativi ed ecosostenibili che il pubblico potrà trovare nella nuova area espositiva dedicata alla circular economy e all’innovazione nel tessile e nella moda che il Museo inaugura a completamento del percorso tattile dedicato alla conoscenza delle materie prime e dei processi di trasformazione.

La creazione dell’area espositiva è strettamente collegata alla Textile Library, un archivio unico e straordinario nel suo genere, esclusivamente dedicato ai materiali tessili contemporanei, creato dopo un lungo lavoro di studio e ricerca per dare nuovo impulso alla Sezione Contemporanea, rilanciando così la vocazione del Museo alla comunicazione dell’innovazione nel settore tessile.

Pannello espositivo dedicato alla sostenibilità

“Siamo contenti di poter finalmente condividere con il pubblico questo nuovo progetto” – dichiara Francesco Nicola Marini, Presidente del Museo del Tessuto.

“L’archivio dei tessuti Contemporanei si arricchisce di nuovi contenuti che mettiamo a disposizione di studenti, docenti, designer, professionisti e operatori del settore tessile e moda, mentre la nuova area espositiva vuole essere non solo uno strumento di conoscenza del tessuto contemporaneo, ma anche di educazione al consumo consapevole“.

La Textile Library si presenta non solo come un archivio di tessuti – dall’abbigliamento ai tessuti funzionali per sport, arredamento, ingegneria e architettura – ma anche di fibre, filati, accessori e materiali per la moda, suddivisi in sezioni tematiche, in continuo aggiornamento ed evoluzione che ricerca, studia e archivia prodotti innovativi e sperimentali, provenienti direttamente da aziende leader internazionali di ogni settore, ma anche da start up e da centri di ricerca messi a disposizioni di designer, professionisti del settore moda e tessile e della formazione specializzata, studenti e aziende.

Pelle vegana da scarti di melaFrumat Leather S.r.l
pelle vegana realizzata mediante un processo di coagulazione di una miscela costituita da fibra di mela e poliuretano; 50% fibra di mela, 50% poliuretano.

Il primo argomento con cui il Museo inaugura la Textile Library è la circular economy e l’innovazione sostenibile nel tessile e nella moda.

Sono stati raccolti, catalogati e digitalizzati oltre 200 campioni tra filati, tessuti, materie prime ed accessori che approfondiscono gli aspetti più importanti di questo tema così vasto e controverso che sta diventando più che un trend, un vero e proprio ambito di ricerca permanente per le manifatture tessili e della moda.

In questa vera e propria ‘materioteca’ un ruolo di primo piano viene svolto dalle aziende del distretto tessile di Prato. La collaborazione con lanifici, aziende di filati e di materie prime, rifinizioni e tintorie è stata infatti determinante per la creazione dell’archivio, rinsaldando il legame storico che unisce il Museo al contesto produttivo del territorio, rendendolo interprete delle sue capacità innovatrici e valorizzandone il know how tecnico e stilistico.

Tessuto in sughero – Sedacor
tessuto tristratificato costituito da una base in tessuto (cotone o poliestere), uno strato intermedio di sughero e un finissaggio superficiale.

“Desidero ringraziare le aziende che finora hanno contributo con i loro materiali alla realizzazione dell’archivio” – dichiara Francesco Nicola Marini, Presidente del Museo del Tessuto – “ma ci auguriamo che nel corso del 2021 molte altre vogliano abbracciare il nostro progetto e contribuire a far crescere il progetto a beneficio di tutti”.

I successivi approfondimenti tematici su cui il Museo sta già lavorando saranno dedicati ai finissaggi e alle tinture, ai tessuti tecnici e funzionali, alle fibre nobili, al dizionario tessile (merceologia tessile e pattern).

Il Museo sta programmando l’organizzazione di una serie di incontri sperimentali riservati a professionisti del settore moda e tessile, docenti di scuole di alta formazione e designer per consultare l’archivio e scambiare conoscenze ed avviare attività educative e creative. Gli interessati possono contattare la Resp. Laura Fiesoli scrivendo a l.fiesoli@museodeltessuto.it.

Il progetto Textile Library è stato reso possibile grazie al contributo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nell’ambito dei finanziamenti concessi dalla Legge 113/1991 come modificata dalla legge n. 6/2000.

Le aziende che hanno contribuito finora sono oltre 40:

Ananas Anam, Antilotex, Archè, Candiani, Carvico, Cocccon Crafts & Loom Pvt. Ltd., Colorifix, Cuir Marin de France, Desserto, Gruppo Colle, Filati Bemiva, Frumat, Giolica, Gradozero Espace., Igea, Industria Italiana Filati, Jersey Lomellina, Lamintess, Lanificio Becagli, Lanificio Bigagli, Lanificio Bisentino, Lanificio dell’Olivo, Lanificio Paultex, Lineaesse Tessuti, Lineapiù Italia, Lyria, Main Street, Manifattura Forasassi, Manteco, Marini Industrie, Marshbird, Millefili, Paoletti Tessuti, Pecci Filati, Pinori Filati, Pontetorto, Qwstion, Rifò, Rifinizione Vignali, Sedacor, Seven Stamperia, Studioestile Tuscany, Tessilfibre,Texmoda Tessuti.

Un ringraziamento particolare al Centro Campionari per la collaborazione nel progetto.

Le ultime

Aree protette dimenticate dal Recovery Plan, Sammuri in Senato: “Si sblocchino almeno i fondi già esistenti, ecco nove proposte”

Federparchi ha illustrato anche al Senato le proposte di modifica al Piano Nazionale per la Resilienza e la Ripresa  (Recovery...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.