Verdi stupiti dalla nomina di Cingolani: “Grillo ha preferito riconfermare Di Maio agli Esteri”
V

I più letti

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...

“Rimaniamo stupiti di fonte alla scelta di Roberto Cingolani come nuovo ministro per la Transizione ecologica al quale, in ogni caso, rivolgiamo i nostri auguri di buon lavoro”: inizia così il post sui social di Angelo Bonelli, presidente della Federazione Nazionale dei Verdi, che non ha partecipato alle consultazioni con il nuovo presidente del Consiglio Draghi. “Per il bene dell’Italia, auspichiamo che Cingolani, Direttore del dipartimento di tecnologia dell’azienda Leonardo di Finmeccanica, leader nella produzione ed esportazione di armi, possa avere le giuste competenze per guidare la necessaria transizione ecologica. Avevamo immaginato, in questo ruolo, una figura come quella del professor Enrico Giovannini ma siamo pronti comunque a cooperare con il nuovo ministro Cingolani”. Poi, se la prende con Beppe Grillo, che avrebbe rinunciato a un’ipoteca già posta sul nuovo Ministero per la Transizione Ecologica per ottenere la riconferma del dicastero agli Affari Esteri.

“Beppe Grillo ha compiuto un disastro e per difendere Luigi Di Maio al ministero degli esteri ha rinunciato ad avere un ruolo sul ministero della transizione ecologica confermando quanto la sua sia stata un’operazione strumentale che non fa affatto bene all’ambiente: ci vorrebbe più ecologia della politica”.

“Ci auguriamo che Cingolani affronti l’emergenza smog nelle città che rappresenta una crisi ambientale e sanitaria senza precedenti, con investimenti importanti su un’infrastruttura strategica come il trasporto pubblico locale, adeguando il Piano energia e clima agli obiettivi europei sulla CO2, dismettendo le trivelle a oggi presenti nel Mar Mediterraneo e i finanziamenti alle fonti fossili in favore di investimenti cospicui sulle energie rinnovabili e per il raggiungimento dell’indipendenza energetica basato sulle energie pulite”, conclude Bonelli.

Le ultime

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.