Tutti pazzi per il Vintage: gli italiani nel 2020 hanno scelto la digital second hand
T

I più letti

Agricoltura biologica, avanguardista e tecnologica: “Ma è assente dal PNRR”

Sicuramente il movimento del biologico è sempre stato innovativo, addirittura avanguardistico. Proprio perché la tecnica colturale del biologico ha...

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Il mercato della second hand abbraccia ogni giorno ambiti diversi e ormai è possibile trovare online di tutto: dal frullatore all’auto, dalla felpa allo zaino, dal PC ai complementi d’arredo. Subito, piattaforma n.1 in Italia per vendere e comprare con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, ha visto una crescita importante di traffico che, da giugno a dicembre 2020, ha registrato un +14,5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Anche la categoria Abbigliamento e Accessori è stata interessata da un boom di visite e da una crescita importante rispetto all’anno precedente (+18%), con un totale di oltre 23,5 milioni di ricerche a riprova di come gli italiani siano sempre più propensi ad affidarsi alla second hand* anche in fatto di moda.  Così, nel 2020 sono stati 75.000 gli utenti che ogni giorno hanno visitato la sezione della piattaforma scorrendo tra i 2,3 milioni di annunci di vestiti e accessori presenti nella categoria nel corso dell’anno, in cerca di un nuovo capo originale oppure per vendere quello che non serviva più, all’insegna del decluttering del guardaroba.

Cosa ricercano gli italiani nella categoria Abbigliamento e Accessori di Subito?

Tra le parole più cercate nel 2020, spiccano gli accessori e alcuni marchi iconici. Nella top 10 delle ricerche e dei sogni di moda degli italiani si trovano così orologi (2°), scarpe (6°) e borse (7°), da sempre oggetti di desiderio indispensabili dei fashion addicted. Una scelta che ricade sui prodotti iconici e vintage che sono in grado di completare l’outfit di qualsiasi stile, con Rolex, Omega e Seiko tra i brand preferiti al polso degli italiani, o Gucci, Louis Vuitton, Fendi per accessori e vestiti, o ancora Stone Island, per un mix di moda e streetwear, che si aggiudica l’ottavo posto.  

Classifica delle 10 parole più cercate nel 2020 – Abbigliamento e Accessori

  1. Rolex
  2. Orologi
  3. Gucci
  4. Louis Vuitton
  5. Omega
  6. Scarpe
  7. Borse
  8. Stone Island
  9. Seiko
  10. Fendi

Vintage, trendy e chicche presenti su Subito

Chi invece punta a uno stile originale, può navigare tra gli annunci più particolari presenti in piattaforma, tra accessori unici e pezzi da collezione in grado di rendere eccezionale il look. Un tuffo nel passato con gli Swatch, gli immancabili orologi degli anni ’80-’90 sono ora un piccolo tesoro che si fa spazio tra i collezionisti.  

Chi ama vestire in modo estroso e ha una passione per l’arte, su Subito può trovare vere e proprie opere d’arte su tessuto con i jeans personalizzati dipinti a mano

Per cavalcare la riscoperta di quest’anno in fatto di accessori, gli orecchini a clip, si può cercare tra gli accessori vintage anni ’60 presenti in piattaforma e regalarsi un look importante ma con budget contenuto.

Chi sceglie la second hand? Le Giovani Metropolitane e le Smart Chic

Chi fa compravendita di usato in Abbigliamento e Accessori è tecnologicamente evoluto e crede fortemente nel riuso dei vestiti.  Rinnovare l’armadio con poco indossando un capo vissuto porta infatti con sé il fascino della storia e della moda d’antan. Vintage e unicità diventano quindi le parole d’ordine nella digital second hand.

Da una parte, le “giovani metropolitane” under 35 che, social alla mano per instagrammare i pezzi vintage, scelgono i vestiti di seconda mano per un outfit ricercato, comprendendone l’utilità per combattere gli sprechi e fare economia, risparmiando e dando una seconda vita agli oggetti acquistati. Dall’altra, le “smart chic”, over 50, attente a uno stile di vita green e amanti del vintage. Vendono frequentemente, per necessità e per cambiare, e acquistano per passione cercando pezzi unici e scegliendo la second hand per ridurre gli sprechi, in un concetto di economia circolare.

Se anche i brand di moda hanno iniziato a riconoscere il valore dell’usato, utilizzando tessuti e capi di seconda mano per la produzione di nuove collezioni upcycled, così la second hand non è più guidata solo dal fattore economico. Scegliere abiti e accessori di seconda mano prediligendoli rispetto ai nuovi significa fare una scelta consapevole e sostenibile dal punto di vista ambientale.

Lo shopping che fa bene all’ambiente

Comprare e vendere usato infatti è uno dei comportamenti sostenibili più attuali e diffusi, capace di produrre un impatto diretto e misurabile a livello ambientale.  Con un ritmo più lento rispetto a quello veloce della moda, la second hand è un metodo di consumo alternativo e consapevole.  Permette infatti di evitare la produzione di capi nuovi e allunga la vita di quelli usati, risparmiando i costi ambientali di produzione e dismissione, calcolabili sia in termini di emissioni di CO2 sia di materie prime. 

Solo per l’abbigliamento ad esempio, grazie alla compravendita su Subito, sono state risparmiate più di 10 tonnellate di COin un anno. Piccoli e semplici gesti che possono fare la differenza, e che sono stati quantificati dall’Istituto Svedese di Ricerca Ambientale (IVL) per Subito usando il metodo LCA (Life-Cycle Assessment). Ad esempio, tra gli articoli più venduti, un paio di sneakers usate permettono un risparmio di 13,6kg di CO2 e una giacca o un giubbotto 13kg di CO2.  Un paio di jeans di seconda mano permette di evitare 33,4 KG di CO2, una polo o una t-shirt 2kg, e un abito 4kg. Numeri da tenere in considerazione al prossimo desiderio d’acquisto.

*Fonte: La Second Hand ai tempi di Covid-19, di BVA-Doxa per Subito, all’interno dell’indagine de “L’impatto del Coronavirus sul general public: percezione, atteggiamenti e abitudini degli italiani a fronte della diffusione del Covid-19” – 1000 interviste CAWI rappresentative della popolazione italiana, condotte a novembre 2020

Le ultime

Non più dal campo ma dal laboratorio: sostituzione in corso per la dieta mediterranea

Non basta che la Dieta Mediterranea sia iscritta dall’UNESCO nel Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità. Non basta nemmeno che sia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.