Clint, il capovaccaio sull’orlo dell’estinzione protagonista del documentario dedicato al più piccolo avvoltoio d’Europa
C

I più letti

Agroalimentare, Patuanelli dice no al Nutriscore: “Etichettatura fuorviante”

“Il nuovo protagonismo dell’Italia in Europa è importante per difendere il Made in Italy agroalimentare dall’attacco di lobby e...

Congo, viaggiavano per il programma di assistenza alimentare nelle scuole: uccisi l’ambasciatore e due uomini del convoglio

Intorno alle 10 di questa mattina, nei pressi di Goma (Nord Kivu) in Congo, un tentativo di sequestro ai...

L’indri, il più grande di tutti i lemuri che si nutre di terra: l’ultima ricerca dall’unico di team italiano che lo studia in Madagascar

Se i ricercatori non riusciranno a comprendere in tempo le esigenze nutritive ed ecologiche del più grande tra tutti...

La storia del giovane capovaccaio Clint è il filo conduttore di un documentario che racconta le attività in pieno svolgimento del progetto LIFE Egyptian vulture, per salvare una specie che in Italia si trova sull’orlo dell’estinzione. “Criticamente minacciata” nel nostro Paese, non va meglio nel resto del mondo: secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, in tutte il suo areale, versebbe nelle condizioni di essere considerata globalmente “minacciata”. Il filmato, prodotto da E-Distribuzione e realizzato dall’agenzia di comunicazione Alphaomega s.r.l., mostra molta pratica e poca teoria perché aiutare il capovaccaio significa soprattutto sviluppare un faticoso e duraturo lavoro sul campo. E infatti, sia in Italia che alle Isole Canarie, lo staff del LIFE Egyptian vulture e molti appassionati volontari si sono rimboccati le maniche e sono scesi in campo per il comune obiettivo di garantire un futuro a questa specie.

Avvoltoio principalmente necrofago, il più piccolo i quattro europei, questo uccello è fortemente minacciato dall’avvelenamento a causa dell’ingestione di bocconi avvelenati posti a scopo venatorio e altri disturbi letali, tutti antropici, come l’elettrocuzione, il bracconaggio, le modifiche all’habitat e l’intossicazione da piombo. Il lavoro da fare dunque non manca: si devono evitare atti di bracconaggio ai danni dei capovaccai, episodi di disturbo nei nidi di nidificazione, episodi di avvelenamento e incidenti causati da elettrocuzione. Inoltre, gli animali vengono costantemente monitorati e, per supportarli, si allestiscono speciali e ben forniti ristoranti. Ma in Italia una grande speranza c’è ed è rappresentata dai giovani nati in cattività che ogni anno vengono liberati in natura. Clint è proprio uno di loro ed è il protagonista di una storia straordinaria che inizia con un uovo deposto da una coppia di capovaccai del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto ed il cui emozionante seguito viene svelato nel documentario.

Il documentario si può vedere nella sezione “Video” del sito lifegyptianvulture (it) in una versione integrale ed in un versione ridotta, nelle lingue italiano, inglese e spagnolo. Mentre qui la versione completa in italiano.

Le ultime

Fagiolo tondino del Tavo, il piccolo legume riscoperto da un ristoratore, oggi è Presìdio Slow Food

Piccolo, tondeggiante e chiaro: si presenta così il fagiolo tondino del Tavo, appena entrato a far parte della famiglia...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.