Clint, il capovaccaio sull’orlo dell’estinzione protagonista del documentario dedicato al più piccolo avvoltoio d’Europa
C

Le rubriche

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Il green pass, un’infame pratica ricattatoria

Occorre avere l'onestà ancor prima del coraggio di dirlo apertamente, senza perifrasi e senza timori: il green pass o...

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

La storia del giovane capovaccaio Clint è il filo conduttore di un documentario che racconta le attività in pieno svolgimento del progetto LIFE Egyptian vulture, per salvare una specie che in Italia si trova sull’orlo dell’estinzione. “Criticamente minacciata” nel nostro Paese, non va meglio nel resto del mondo: secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, in tutte il suo areale, versebbe nelle condizioni di essere considerata globalmente “minacciata”. Il filmato, prodotto da E-Distribuzione e realizzato dall’agenzia di comunicazione Alphaomega s.r.l., mostra molta pratica e poca teoria perché aiutare il capovaccaio significa soprattutto sviluppare un faticoso e duraturo lavoro sul campo. E infatti, sia in Italia che alle Isole Canarie, lo staff del LIFE Egyptian vulture e molti appassionati volontari si sono rimboccati le maniche e sono scesi in campo per il comune obiettivo di garantire un futuro a questa specie.

Avvoltoio principalmente necrofago, il più piccolo i quattro europei, questo uccello è fortemente minacciato dall’avvelenamento a causa dell’ingestione di bocconi avvelenati posti a scopo venatorio e altri disturbi letali, tutti antropici, come l’elettrocuzione, il bracconaggio, le modifiche all’habitat e l’intossicazione da piombo. Il lavoro da fare dunque non manca: si devono evitare atti di bracconaggio ai danni dei capovaccai, episodi di disturbo nei nidi di nidificazione, episodi di avvelenamento e incidenti causati da elettrocuzione. Inoltre, gli animali vengono costantemente monitorati e, per supportarli, si allestiscono speciali e ben forniti ristoranti. Ma in Italia una grande speranza c’è ed è rappresentata dai giovani nati in cattività che ogni anno vengono liberati in natura. Clint è proprio uno di loro ed è il protagonista di una storia straordinaria che inizia con un uovo deposto da una coppia di capovaccai del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto ed il cui emozionante seguito viene svelato nel documentario.

Il documentario si può vedere nella sezione “Video” del sito lifegyptianvulture (it) in una versione integrale ed in un versione ridotta, nelle lingue italiano, inglese e spagnolo. Mentre qui la versione completa in italiano.

FLASH

Le ultime

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.