“Oltre 2000 bovini in mare da due mesi. L’UE vieti il trasporto degli animali vivi”

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

In qualità di vice presidente delI’Intergruppo sul benessere animale, non posso che manifestare una profonda indignazione per la situazione agghiacciante degli oltre 2.000 bovini bloccati in mare dopo la partenza dalla Spagna lo scorso dicembre. Da oltre due mesi questi animali sono costretti in spazi angusti e a viaggiare in condizioni che non rispettano neanche lontanamente gli standard minimi previsti per il trasporto degli animali. Per questo motivo ho firmato la lettera indirizzata alla Commissaria alla salute e alla sicurezza alimentare Stella Kyriakides, affinché vengano presi immediati provvedimenti – così Eleonora Evi, europarlamentare dei Verdi europei, membro titolare della ANIT, Commissione d’inchiesta per la protezione degli animali durante il trasporto.

Risulta, infatti, che il carico di bovini sia stato rifiutato dalle autorità libiche a causa della febbre catarrale di molti esemplari e che le navi abbiano lasciato Tripoli a pieno carico. Sebbene alcuni capi siano stati poi scaricati, sembra che molti di loro siano ancora a bordo. Le autorità spagnole, legalmente responsabili della salute degli animali fino alla destinazione finale (CGUE, causa C-424/13), non hanno intrapreso alcuna azione per garantire condizioni accettabili, in violazione dell’articolo 22 (1) e 22 (2) del regolamento 1/2005 (regolamento sui trasporti). Secondo le associazioni animaliste, inoltre, molti bovini sarebbero morti e i loro resti sarebbero stati gettati in mare.  La nave avrebbe dichiarato di trasportare solo mangimi, quando solo pochi giorni fa aveva dichiarato alle autorità portuali di Augusta, in Sicilia, di trasportare animali vivi. I casi sono due: o la nave sta mentendo e quindi trasporta in condizioni spaventose da oltre due mesi migliaia di bovini rilasciando dichiarazioni false, oppure ha scaricato in mare i corpi degli animali morti durante il viaggio.

In entrambi i casi  – continua l’europarlamentare – si tratta di violazioni gravissimeIl destino di questi bovini dimostra ancora una volta come il regolamento sui trasporti, che impone alle autorità competenti di concedere autorizzazioni solo ai trasportatori che dispongono di piani di emergenza, rimanga inattuato. Le terribili condizioni nelle quali vengono trasportati gli animali vivi sono inaccettabili: la mancanza di acqua e di cibo, gli spazi sovraffollati e le temperature estreme causano spesso ferite gravi, o addirittura la morte per asfissia. Non di rado si tratta di cuccioli non ancora svezzati.

Con questa lettera chiediamo, pertanto, che i bovini raggiungano la loro destinazione finale prima possibile e che questo grave episodio ponga in essere controlli più severi e una subitanea revisione del regolamento sul trasporto degli animali. L’Unione europea deve dire basta al trasporto di animali vivi: una crudeltà ingiustificata, una pratica indegna di popoli che amano definirsi civili” – conclude Eleonora Evi.

Di questo tema si parlerà oggi alle ore 12 nel webinar organizzato Eleonora Evi, altri eurodeputati e all’associazione Four Paws. Questo il link per registrarsi.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.