Gestione del lupo, WWF: “Rispettare le direttive europee e aumentare gli sforzi per una convivenza pacifica”
G

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

La fauna è un bene indisponibile dello Stato e la gestione delle specie minacciate va operata su base nazionale e internazionale, essendo la materia regolata anche da Direttive Europee e internazionali.

Lo precisa il WWF dopo la notizia che le Province Autonome di Trento e di Bolzano hanno definito nuove linee guida relative alla gestione del lupo nel proprio territorio, con l’obiettivo di rendere autonome le decisioni in merito ad eventuali deroghe all’abbattimento di individui problematici. Il documento è ora stato inviato ad Ispra per l’acquisizione del necessario parere.

Il WWF pretende e verificherà che le nuove linee guida provinciali rispettino totalmente le Direttive Europee e la piena tutela della specie, e sottolinea anche come la presunta pericolosità del lupo per l’incolumità delle persone ad oggi non rappresenti una problematica, poiché mai negli ultimi decenni si sono verificati casi di aggressione mortale verso esseri umani.

Passo fondamentale per la conservazione della specie nel nostro Paese è l’approvazione di un Piano Nazionale di Gestione e Conservazione del Lupo, ancora fermo alla Conferenza Stato-Regioni da quasi 5 anni, che preveda azioni di prevenzione, comunicazione e sensibilizzazione finalizzati a migliorare la coesistenza tra lupo e uomo, prevedendo anche azioni di gestione attiva quando strettamente necessarie (es. per ibridi o individui confidenti) ma senza abbattimenti in deroga.

La coesistenza con i grandi carnivori si garantisce, infatti solo, con una corretta informazione e implementando soluzioni concrete ed efficaci per la prevenzione dei danni. È necessario che Regioni e Province Autonome aumentino gli sforzi in tale direzione, per favorire a convivenza tra le attività umane e specie protette come lupi ed orsi e riconoscere il valore della biodiversità (inclusa la presenza di specie chiave per l’equilibrio degli ecosistemi come orsi e lupi) come base di tutte le attività umane.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.