Nasce il portale per le antiche faggete italiane patrimonio dell’umanità UNESCO
N

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Le antiche foreste continentali di faggio sono tutelate grazie all’istituzione del sito UNESCO seriale transnazionale “Foreste primordiali dei faggi dei Carpazi e di altre regioni d’Europa”, composto da esempi in dodici paesi: Albania, Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Germania, Italia, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Ucraina.

Il portale a loro dedicato, all’indirizzo www.faggeteunesco.it – innanzitutto un riferimento per diffondere la conoscenza di questo patrimonio e uno spazio in cui fornire spunti di riflessione e approfondimenti scientifici sul tema della conservazione delle foreste in Italia – è un’occasione per scoprire il valore, i segreti e le storie che solo faggi di oltre 500 anni possono raccontarci, veri protagonisti di ambienti dal valore inestimabile.

Il faggio (Fagus sylvatica) è storicamente legato allo sviluppo dei popoli europei. Il nome, in latino fagus, fa probabilmente riferimento alla radice indoeuropea (bhak-šati = mangiare). Questa pianta, con la sua ampia distribuzione, copre larga parte del territorio europeo ed è un ecosistema di spiccato valore simbolico per le politiche ambientali transnazionali.

I faggi sono testimoni di storie senza tempo, custodite fino ai nostri giorni in vere e proprie cattedrali della natura. Vuoi per l’estrema longevità, vuoi per la luce meravigliosa che le sue foglie traslucide conferiscono al sottobosco, questa specie forestale è un elemento ricorrente dell’immaginario e della religiosità occidentale.

Si tratta di foreste indispensabili per comprendere l’evoluzione del faggio, specie che si è diffusa in tutte le altitudini grazie alla sua caratteristica di adattabilità e tolleranza alle diverse condizioni climatiche, geografiche e fisiche, partendo dalle originarie aree glaciali dell’Europa sud-orientale.

L’obiettivo è inoltre anche quello di favorire forme di turismo sostenibile. Grazie alle mappe e alle informazioni escursionistiche sarà possibile programmare un viaggio alla ricerca delle faggete vetuste del nostro Appennino, da scoprire lungo i loro sentieri, consapevoli della fragilità di questi ecosistemi.
Per l’Italia i siti sono in tutto sei: oltre alla riserva naturale integrale di Sasso Fratino nel parco nazionale delle Foreste casentinesi, la foresta di Cozzo Ferriero nel parco nazionale del Pollino, la Foresta Umbra, la foresta vetusta di Monte Cimino in provincia di Viterbo, la foresta di Monte Raschio nel parco naturale regionale di Bracciano – Martignano, le faggete di Valle Cervara, Selva Moricento, Coppo del Morto, Coppo del Principe e Val Fondillo, nel parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
Questi siti ospitano i faggi più vecchi d’Europa, con un patrimonio diffuso sul territorio nazionale di alberi vetusti che superano i 400-500 e talvolta anche i 600 anni di età. Il nostro Paese ospita le componenti più meridionali del sito seriale, in aree che hanno rappresentato uno dei più importanti rifugi glaciali d’Europa.

“Le Foreste casentinesi, con i loro patriarchi naturali, non sono una risorsa energetica rinnovabile. Ci vogliono poche ore per ridurle in cenere e lunghi secoli pieni di incognite per riportarle allo stato attuale. La loro valorizzazione, come abbiamo dimostrato in modo inequivocabile in questi anni – dichiara Luca Santini, presidente del Parco – passa necessariamente attraverso il riconoscimento della loro unicità funzionale ed estetica nel panorama europeo, dei servizi ecosistemici primari di cui si prendono carico e al sempre più affermato ruolo di attrazione turistica che svolgono”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.