Pasta, i consumatori vogliono il Made in Italy. Centinaio: “Aumentare produzione nazionale di grano duro”
P

Le rubriche

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

“La filiera del grano duro ha saputo fronteggiare al meglio un anno difficile come il 2020 e ha garantito in piena pandemia una costante fornitura di prodotto, anche di fronte a picchi di domanda. Uno degli aspetti più interessanti emerso oggi è che i consumatori sono sempre più attenti alla qualità e al fatto che la materia prima usata sia Made in Italy”. Lo evidenzia il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio, commentando i dati presentati nel corso di Durum Days 2021, l’evento di ieri in cui si sono confrontati tutti gli attori della filiera del grano duro e della pasta, che sta tornando ai livelli pre-Covid, con una produzione e un trend di consumi in linea con quelli del 2019. “Come evidenziato dallo studio dell’istituto di ricerca Areté nel 2020 la filiera italiana ha prodotto l’11% di pasta in più rispetto al 2019, nonostante la chiusura prolungata dell’horeca con picchi di crescita superiori al 40% in alcuni periodi dell’anno. La ricerca – aggiunge il sottosegretario Centinaio – ha anche mostrato come il consumatore preferisca un prodotto 100% italiano. L’impegno è fare squadra per rafforzare la filiera, garantendo anche maggiore competitività alle imprese. Lavoriamo per aumentare le superfici coltivate e le nostre produzioni nazionali di grano duro e ridurre così anche la dipendenza dall’estero”.

FLASH

Le ultime

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.