Sei palchi, cucine da campo e diecimila persone: “Il rave nella Tuscia minaccia il Lago di Mezzano”
S

La striscia

Indagine Altroconsumo, veicoli condivisi la tendenza in spostamenti urbani

(Adnkronos) - Sebbene l’Italia resti uno dei Paesi con un tasso di motorizzazione tra i più alti d’Europa...

Spazio, Nasa alla riscossa con Starliner

(Adnkronos) - La NASA è pronta per il test della capsula spaziale Starliner. Lo hanno annunciato alcuni funzionari...

Più fiori per la salvaguardia delle api e dell’ambiente

(Adnkronos) - Difendere l'ambiente e tutelare la biodiversità attraverso l'ecologia integrale. In occasione della Giornata mondiale delle api...

Contro il cancro anche la fibra ottica

(Adnkronos) - Usare la fibra ottica per lottare contro il cancro. E’ l’idea dietro il dispositivo sviluppato dal...

Harry e Megan, anniversario con telecamere

(Adnkronos) - Harry e Megan festeggiano oggi il loro quarto anniversario di matrimonio. Secondo le tradizioni Usa, dopo...

“Il Rave Party illegale in atto da giorni nella Tuscia sta provocando gravissimi danni all’ambiente e all’agricoltura. Siamo preoccupati per la fauna della zona e il Lago di Mezzano”. Questo il commento del presidente regionale di Fare Verde, Silvano Olmi, sul raduno non autorizzato in corso dalla vigilia di ferragosto nel territorio del Comune di Valentano. “Questa manifestazione illegale sta provocando danni gravissimi all’ambiente e all’agricoltura della zona – dichiara il presidente regionale di Fare Verde Silvano Olmi – sono stati installati sei palchi, alcune cucine da campo e vi sostano un migliaio di camper e roulotte”.

L’ecosistema del Lago di Mezzano (VT)

Inoltre, la musica a tutto volume e la massiccia presenza di automezzi e persone, disturba la fauna e crea gravi problemi al vicino Lago di Mezzano dove qualche giorno addietro è annegato uno dei partecipanti al Rave Party. “Esprimiamo la massima solidarietà al Sindaco di Valentano Stefano Bigiotti – prosegue la nota – e ringraziamo i Sindaci del comprensorio e il deputato Mauro Rotelli, da molti anni iscritto a Fare Verde, che si sono attivati per denunciare questo scempio. Lo scenario che si presenta è apocalittico – prosegue Olmi – con diecimila persone senza mascherina e nessuna precauzione anti covid. Mentre si chiede agli italiani di vaccinarsi, dotarsi di green pass e mantenere la distanza di sicurezza, si permette a questa gente di insozzare l’ambiente naturale e devastare le proprietà private. Quando se ne andranno – conclude Olmi – a noi non resterà altro da fare che contare i danni e spendere soldi pubblici per riparare lo sfregio fatto al territorio e all’ecosistema.”

FLASH

Le ultime

Massimo Mariotti riconfermato presidente di Serit

L’assemblea dei soci ha nominato il 6 maggio il nuovo consiglio di amministrazione di Serit, società che gestisce il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.