“Mi ha messo troppe note”, minaccia il professore con pistola finta
&

La striscia

Indagine Altroconsumo, veicoli condivisi la tendenza in spostamenti urbani

(Adnkronos) - Sebbene l’Italia resti uno dei Paesi con un tasso di motorizzazione tra i più alti d’Europa...

Spazio, Nasa alla riscossa con Starliner

(Adnkronos) - La NASA è pronta per il test della capsula spaziale Starliner. Lo hanno annunciato alcuni funzionari...

Più fiori per la salvaguardia delle api e dell’ambiente

(Adnkronos) - Difendere l'ambiente e tutelare la biodiversità attraverso l'ecologia integrale. In occasione della Giornata mondiale delle api...

Contro il cancro anche la fibra ottica

(Adnkronos) - Usare la fibra ottica per lottare contro il cancro. E’ l’idea dietro il dispositivo sviluppato dal...

Harry e Megan, anniversario con telecamere

(Adnkronos) - Harry e Megan festeggiano oggi il loro quarto anniversario di matrimonio. Secondo le tradizioni Usa, dopo...

(Adnkronos) – “Prof, dobbiamo regolare una questione: mi ha messo troppe note e sta sbagliando”. Poi lo studente, 15 anni appena e piglio da boss, estrae una pistola da dietro la schiena e la punta alla tempia del professore di matematica. Il docente resta in silenzio, la classe ride: alcuni compagni riprendono la scena con il cellulare. È questione di attimi e il video vola sulla chat di scuola, prima di rimbalzare in rete. La pistola è risultata poi giocattolo: senza tappo rosso avrebbe tratto in inganno chiunque. Ma il ragazzo, di origine straniera, è ora nei guai. È successo lo scorso 29 marzo in un istituto tecnico in provincia di Firenze. La scuola, ma non il professore, ha segnalato l’episodio all’autorità giudiziaria e la Procura per i minori ha denunciato il ragazzino per minacce aggravata dall’aver agito per motivi di bullismo e ai danni di un incaricato di pubblico servizio oltre che per interruzione di pubblico servizio, la lezione a scuola. La notizia è riportata dal “Corriere Fiorentino”. 

Nel frattempo la polizia ha bussato all’abitazione dello studente per eseguire una perquisizione. Gli investigatori non hanno trovato armi, ma hanno sequestrato il cellulare del giovanissimo e ora dovranno accertare se contiene quello e altri video con il professore. “Era solo uno scherzo”, ha continuato a ripetere il minorenne indagato.  

Le indagini, coordinate dal procuratore capo Antonio Sangermano, partono proprio dal filmato per ricostruire vicenda e ruoli e mirano ad accertare quali provvedimenti disciplinari abbia adottato la scuola, anche in passato. Come da prassi, inoltre avvierà anche una procedura per accertare il contesto socio-familiare in cui il quindicenne viva. Non è la prima volta per il ragazzino. In più occasioni, pare abbia umiliato e offeso le insegnanti, sempre donne, interrompendo le lezioni con prepotenza. Poi nelle ultime settimane, pare andasse in giro con disinvoltura per i corridoi dell’istituto con la pistola infilata nella cintura, dietro la schiena. L’avrebbe esibita come un trofeo ai compagni, tornando poi a nasconderla nei pantaloni. Anche l’altra mattina, al suono della campanella, qualcuno lo ha visto mentre giocava con l’arma.  

“È una situazione molto delicata ed è stata segnalata subito alla Procura per i minori – dice il dirigente dell’istituto tecnico al ‘Corriere Fiorentino’ – già in passato, il consiglio di classe aveva adottato una serie di provvedimenti disciplinari nei confronti dello studente. La scuola svolge una funzione educativa e anche in questa situazione, si è mossa immediatamente. Ora attendiamo l’esito delle indagini della magistratura”. 

FLASH

Le ultime

Massimo Mariotti riconfermato presidente di Serit

L’assemblea dei soci ha nominato il 6 maggio il nuovo consiglio di amministrazione di Serit, società che gestisce il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.