Lui morto nel portabagagli dell’auto e lei al volante, omicidio a Cosenza
L

La striscia

Indagine Altroconsumo, veicoli condivisi la tendenza in spostamenti urbani

(Adnkronos) - Sebbene l’Italia resti uno dei Paesi con un tasso di motorizzazione tra i più alti d’Europa...

Spazio, Nasa alla riscossa con Starliner

(Adnkronos) - La NASA è pronta per il test della capsula spaziale Starliner. Lo hanno annunciato alcuni funzionari...

Più fiori per la salvaguardia delle api e dell’ambiente

(Adnkronos) - Difendere l'ambiente e tutelare la biodiversità attraverso l'ecologia integrale. In occasione della Giornata mondiale delle api...

Contro il cancro anche la fibra ottica

(Adnkronos) - Usare la fibra ottica per lottare contro il cancro. E’ l’idea dietro il dispositivo sviluppato dal...

Harry e Megan, anniversario con telecamere

(Adnkronos) - Harry e Megan festeggiano oggi il loro quarto anniversario di matrimonio. Secondo le tradizioni Usa, dopo...

(Adnkronos) – L’uomo era nel portabagagli dell’auto, la donna al posto di guida. Sono di un 57enne e della compagna, di origini extracomunitarie, i corpi senza vita trovati nella tarda serata di ieri in contrada ‘Giammellona’, nelle campagne di Castrovillari, provincia di Cosenza. I due sono stati uccisi da numerosi colpi d’arma da fuoco. Sul posto, subito dopo il ritrovamento, è giunto anche il procuratore della Repubblica di Castrovillari, Alessandro D’Alessio, insieme ai carabinieri, che stanno conducendo le indagini, e al medico legale. Secondo quanto si apprende, la coppia sarebbe stata uccisa poche ore prima del ritrovamento dei corpi. 

A chiamare le forze dell’ordine sarebbe stata una persona del posto che ha notato l’auto ferma coi fari ancora accesi. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per reati di droga, avrebbe già subito un attentato circa dieci anni fa, a cui era sfuggito. Anche se al momento i carabinieri indagano in ogni direzione, l’ipotesi più accreditata sarebbe quella di una vendetta messa in atto dalla criminalità. Al momento non è possibile escludere, dunque, che dietro l’agguato ci sia la mano della ’ndrangheta. All’interno dell’auto, fra l’altro, sarebbe stato trovato un capretto morto, un ‘simbolo’ che potrebbe rendere più solida la pista della vendetta da parte della criminalità organizzata calabrese.  

FLASH

Le ultime

Massimo Mariotti riconfermato presidente di Serit

L’assemblea dei soci ha nominato il 6 maggio il nuovo consiglio di amministrazione di Serit, società che gestisce il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.