Ucraina: Gros (Ceps), ‘embargo gas problema non solo tedesco ma di tutta Europa’
U

La striscia

(Adnkronos) – Arginare il problema del gas russo, per l’Europa, è molto laborioso ma non impossibile. “Non c’è modo di farlo – dice all’Adnkronos l’economista Daniel Gros, direttore del think tank Ceps, Center for European Policy Studies -. O si accetta un costo economico alto, ma non debilitante, oppure si aspetta. Se ora il gas russo ci serve per riempire di nuovo le riserve una volta fatto ciò saremo molto più indipendenti”. Per Gros un embargo severo alle importazioni non sarebbe un problema solo della Germania, che nei giorni scorsi, assieme all’Austria si è detta contraria allo stop “ma di tutta l’Europa” perché, rimarca, “il prezzo è unico in Europa, e se né Germania né Italia importano gas russo mancherebbe una quantità enorme sul mercato europeo e i prezzi schizzerebbero dappertutto”. 

Secondo l’economista anche se la Germania da sola decidesse di non importare più dalla Russia “mancherebbe una parte importante del gas e a questo punto i prezzi andrebbero in alto per tutti, Italia compresa”. La Germania è tra i maggiori importatori di gas al mondo ma prima dell’inizio del conflitto in Ucraina, come riportato dal Deutsche Wirtschaftsnachrichten, gli impianti di stoccaggio di gas naturale, al 15 febbraio scorso, avevano raggiunto i livelli più bassi da molti anni. I 47 depositi sotterranei del Paese risultavano pieni solo per il 32% circa, mentre due anni fa, nello stesso periodo, il livello si attestava circa all’81%.  

“Questo si spiega per due ragioni – chiosa Gros -. La prima è che Gazprom è entrata nell’inverno con un livello molto basso di gas. La seconda è perché negli anni passati il gas è stato stoccato troppo e i prezzi sono schizzati già nell’estate del 2021. Molti hanno pensato che con quei prezzi alti sarebbe diventato troppo dispendioso stoccare e hanno ritenuto di aspettare che andassero giù. C’è stata un po’ di speculazione e un po’ di azione di Gazprom”. 

Ora che Putin è tornato a minacciare l’Europa sul gas, Gros è convinto che la soluzione ideale sia ignorarlo e continuare a pagare. “Lo lascerei parlare – afferma – non c’è bisogno di alcuna reazione: se ci sono i contratti in atto noi paghiamo per il gas fornito e ignoriamo quello che dice. Questa, secondo me, sarebbe la migliore risposta alle sue minacce. Se noi lo ignoriamo e paghiamo come sempre in euro poi la banca che riceve il denaro o convertirà in rubli e lui avrà i suoi soldi. Io direi ignoriamolo, continuiamo a pagare come prima e poi vediamo quello che fa”. 

FLASH

Le ultime

Come vincere di più al blackjack

Stai cercando modi per vincere di più nel gioco del blackjack ma non sei sicuro di cosa stai sbagliando...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.