Covid, Oms: giù contagi e morti, Italia quinta per nuovi casi
C

La striscia

(Adnkronos) – I nuovi contagi covid diminuiscono, cala anche il numero dei morti. L’italia è quinta al mondo per nuovi positivi e terza in Europa per casi e decessi. E’ il quadro delineato dall’ultimo report settimanale dell’Organizzazione mondiale della sanità. “Dopo l’aumento osservato durante la prima metà di marzo, il numero di nuovi casi di Covid-19” a livello globale “è diminuito per la seconda settimana consecutiva, con un calo del 16% dal 28 marzo al 3 aprile. In forte riduzione anche il numero dei nuovi decessi (-43%) rispetto alla settimana precedente, quando era stato osservato un ‘picco artificiale'” legato a cambiamenti nella definizione delle morti Covid in Cile e Usa e ad aggiustamenti retrospettivi in India e nel Sudest asiatico. 

L’Oms precisa come “queste tendenze dovrebbero essere interpretate con cautela, poiché diversi Paesi stanno progressivamente cambiando le loro strategie di test, determinando una riduzione complessiva dei tamponi eseguiti e quindi dei positivi rilevati”. 

Nel periodo in esame, nelle 6 regioni Oms sono stati segnalati oltre 9 milioni di nuovi casi e più di 26mila nuovi decessi, che portano il bilancio da inizio pandemia a poco più di 489 milioni di contagi e oltre 6 milioni di morti. Tutte le regioni hanno registrato un calo sia dei casi sia dei decessi. Il maggior numero di nuovi positivi è stato riportato da Repubblica di Corea (2.058.375, -16%), Germania (1.371.270, -13%), Francia (959.084, +13%), Vietnam (796.725, -29%) e Italia (486.695, -3%). Il maggior numero di nuove morti è stato segnalato da Stati Uniti (4.435, -10%), Federazione Russa (2.357, -18%), Repubblica di Corea (2.336, -5%), Germania (1.592, +5%) e Brasile (1.436, -19%).  

A livello europeo, dopo l’aumento dei casi osservato nella regione durante la prima metà di marzo – ricorda l’Oms – i nuovi contagi settimanali sono diminuiti per la seconda settimana consecutiva (-16%) a oltre 4,6 milioni, mentre i nuovi decessi hanno continuato a calare, a oltre 10mila (-15%). In 4 Paesi della regione i nuovi casi sono cresciuti del 20% o più, specie a Malta (+74%), in Uzbekistan (+28%) e Kirghizistan (+27%). Il numero maggiore di nuovi contagi è stato registrato da Germania (1.371.270, 1648,8/100mila, -13%), Francia (959.084; 1474,6/100mila, +13%) e Italia (486.695, 816,0/100mila, -3%). Ai primi posti per numero di morti riportate ci sono invece Federazione Russa (2.357, 1,6/100mila, -18%), Germania (1.592, 1,9/100mila, +5%) e Italia (966, 1,6/100mila, -4%).  

“Dalla prima settimana del 2022, quando sulla piattaforma Gisaid è stato riportato il maggior numero settimanale di sequenze virali (284.061) – sottolinea l’Oms – il dato è diminuito progressivamente. Durante la 12esima settimana dell’anno, dal 21 al 27 marzo, sono state raccolte e inviate a Gisaid solo 65.381 sequenze, con una riduzione media del 12% nella raccolta settimanale e nella presentazione delle sequenze” di Sars-CoV-2, calcola l’agenzia ginevrina che la scorsa settimana aveva lanciato un allarme per questo calo, avvertendo i Paesi che la diminuzione dei tamponi rischiava di compromettere i sistemi di monitoraggio della pandemia a livello globale. 

Se infatti “la diminuzione delle sequenze è coerente con la tendenza complessiva nei nuovi casi osservati” nel mondo, l’Oms spiega che “può anche riflettere i cambiamenti nelle politiche di sorveglianza epidemiologica in alcuni Paesi, incluse variazioni nelle strategie di campionamento e sequenziamento, con una conseguente riduzione del numero complessivo di test e dunque un minor numero di casi rilevati”. 

 

FLASH

Le ultime

E’ l’ora dell’ecologia conservatrice

Con l'ascesa di Fratelli d'Italia, cambia anche il paradigma della politica nel governare i temi dell'ambiente. Innovazione, difesa e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.