Ucraina, guerra non ferma azienda: al lavoro con pc nei rifugi sotterranei
U

La striscia

Bear Friendly, nascono i prodotti amici dell’orso

(Adnkronos) - Miele, frutta, ortaggi prodotti nella Maiella presto diventeranno ambasciatori della tutela dell’orso marsicano. Al via nella...

Ucraina, grano bloccato e caro energia. Verso la crisi alimentare globale

(Adnkronos) - Con i porti bloccati e l'export dei cereali al palo (che ora non si sa nemmeno...

Giornata mondiale tartarughe, allarme Enpa: “Sono in pericolo”

(Adnkronos) - Il 23 maggio è la Giornata mondiale delle tartarughe e l'Enpa lancia l'allarme: "Sono in pericolo"....

Il Giro d’Italia della Csr a Lecco, focus sulle filiere di prossimità

(Adnkronos) - Più una filiera è corta, più la sostenibilità diventa concreta. Le piccole e medie realtà locali...

Giornata Europea dei Parchi, obiettivo 30% di territorio protetto

(Adnkronos) - Il 24 maggio si celebra la Giornata Europea dei Parchi promossa da Europarc Federation con lo...

(Adnkronos) –
Uffici improvvisati in rifugi sotterranei per continuare a lavorare nonostante la guerra. Nell’Ucraina, martoriata da un conflitto che dura ormai da oltre 40 giorni, c’è anche chi cerca di mantenere un’impossibile quotidianità continuando a lavorare al pc in nascondigli sottoterra, interrotti dal rumore delle bombe o delle sirene di allarme. “La mia azienda gestisce un progetto per una società americana e collaboriamo con una società ucraina – QATestLab – da diversi anni”, racconta all’Adnkronos Luciano Noel Castro, ceo e founder di ‘Castro&Partners’ che aggiunge: “Hanno continuato in maniera imperterrita a lavorare. Hanno sempre lavorato da remoto e, grazie a ciò e al fatto che collaborano con aziende fuori dall’Ucraina, hanno continuato a farlo anche adesso, in situazioni estreme, mantenendo l’esecuzione di questo progetto”. 

Qualche collaboratore, da Kiev, è stato costretto a spostarsi al Sud. Alcuni insieme alla propria famiglia e ai bambini. “Durante le call – racconta Luciano Castro – a volte si sentivano i bombardamenti o le sirene ed erano costretti a scappare. Si sono attrezzati per lavorare anche se le loro giornate sono scandite in maniera diversa”. “Alcuni collaboratori sono andati via, in altri Stati come la Polonia o la Repubblica Ceca, ma per la maggior parte sono rimasti in Ucraina anche perché da alcune zone non è semplice andar via”, sottolinea il ceo e founder di ‘Castro&Partners’. “E’ sorprendente – commenta Luciano Castro, che è anche a capo della missione 1.2 del Pnrr al ministero dell’Innovazione tecnologica per il passaggio al cloud della Pa – sono riusciti a mantenere l’esecuzione del lavoro, nonostante la tensione e l’ansia, senza interruzioni significative”.  

Il ceo e funder di ‘Castro&Partners’, che è con loro in contatto, spiega che “la tensione è crescente e c’è malessere per la situazione. Ma sono stati loro a chiedermi di continuare nel progetto, li aiuta a mantenere una routine e un contatto con una certa forma di quotidianità”. “Il loro messaggio è che, a prescindere da tutto, non sono stati piegati – conclude Luciano Castro – Continuano a lavorare come prima, adattandosi a situazioni difficili anche solo da immaginare”. 

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.