Ucraina, Nobel Parisi: ‘Questa tragedia dovrebbe finire ora”
U

La striscia

‘L’insostenibile pesantezza dello spreco alimentare’, esce il libro di Andrea Segrè

(Adnkronos) - Esce il 26 maggio per Castelvecchi 'L’insostenibile pesantezza dello spreco alimentare. Dallo spreco zero alla dieta...

Energia fotovoltaica, presto anche di notte

(Adnkronos) - Il fotovoltaico notturno è il futuro delle tecnologie green. Lo sostengono gli scienziati della University of...

Climate Change, assicurazioni in difficoltà

(Adnkronos) - Le assicurazioni sono impreparate a risarcire i danni provocati dai cambiamenti climatici. E’ quanto emerge dal...

Il Giro d’Italia della Csr fa tappa a Bari, focus sul cambiamento

(Adnkronos) - La sostenibilità non è un blocco di marmo ma un albero che cresce e cambia insieme...

Energia, Amadei (Enel): “Evoluzione per rendere più verde utilizzo rinnovabili”

(Adnkronos) - “L’iniziativa in realtà si compone di due iniziative: la costituzione di un'associazione a cui possono partecipare...

(Adnkronos) – “Quest’anno ci troviamo di fronte a un’enorme tragedia, non solo militari uccisi, ma anche un gran numero di civili. Siamo testimoni di un numero incredibile di rifugiati, così alto che non posso paragonarlo a nulla di ciò che ho visto. Questa tragedia dovrebbe finire ora, ma dobbiamo anche pensare a lungo termine, stiamo tornando ai tempi della guerra fredda e abbiamo sentito di nuovo la minaccia dell’uso delle armi nucleari”. A scandirlo è stato il Premio Nobel Giorgio Parisi nel suo discorso di apertura all’Accademia dei Lincei della 22esima Conferenza Amaldi sponsorizzata anche da Us National Academy of Sciences e Ministero degli Affari Esteri e Collaborazione internazionale.  

“Guerra fredda che – ha proseguito Parisi- non era solo fredda ma aveva anche periodi caldi con milioni di morti. Perché siamo vivi? Perché non siamo morti nella terza guerra mondiale che avrebbe potuto scatenarsi sotto la Guerra Fredda? Gran parte del merito deriva dalla consapevolezza che l’escalation incontrollata deve essere evitata, che era essenziale che gli eserciti del Patto di Varsavia e della Nato non si scontrassero militarmente. Uno era ed è in una situazione di Mutually Assured Destruction (Mad) in caso di guerra atomica”.  

“Siamo ancora nella stessa situazione, le circa 2000 testate strategiche della Nato e le 1600 testate russe sono in grado di devastare completamente l’emisfero settentrionale. Era fondamentale disinnescare i conflitti prima che si arrivasse a uno scontro armato tra i rispettivi eserciti. La scienza può avere un ruolo diretto nella costruzione della pace” ha detto ancora Parisi.  

FLASH

Le ultime

Massimo Mariotti riconfermato presidente di Serit

L’assemblea dei soci ha nominato il 6 maggio il nuovo consiglio di amministrazione di Serit, società che gestisce il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.