Orsini: “Se Russia colpisce Nato, Italia si dichiari neutrale”
O

La striscia

(Adnkronos) – “Se davvero la Russia dovesse colpire un paese della Nato, l’Italia dovrebbe dichiarare la neutralità e, se le circostanze internazionali costringessero a tanto, dovrebbe avviare il processo di fuoriuscita dalla Nato”. Il professor Alessandro Orsini si esprime così, a Cartabianca, sulla posizione che l’Italia dovrebbe assumere se la Russia – nella guerra con l’Ucraina – dovesse colpire un paese della Nato. 

“Noi italiani non possiamo seguire questi pazzi scriteriati. Oggi siamo di fronte alla ribellione delle elite nei confronti delle masse e perseguono interessi contrari a quelli delle masse. Ha ragione il Papa, siamo in mano ad un gruppo di pazzi. Io disprezzo Putin, come disprezzo anche Biden e Johnson. Stanno combattendo una guerra sulla pelle degli ucraini e rischiano di portarci ad una guerra mondiale”, dice il docente di sociologia del terrorismo internazionale. 

Si parla di resistenza degli ucraini, un tema che molti hanno collegato al 25 aprile in Italia. “Se paragoniamo la resistenza ucraina a quella dei partigiani in Italia, servono motivazioni molto forti affinché io non debba paragonare ai partigiani” anche “quello che hanno fatti i talebani contro gli Stati Uniti. Se il principio è che tutti coloro che resistono rispetto ad un invasore straniero sono come i partigiani italiani, allora anche i talebani che resistevano all’invasione americana sono come i partigiani”.  

FLASH

Le ultime

Notte Europea dei Ricercatori, il programma e tutti gli eventi

Roma sarà per due giorni la Capitale della scienza grazie alla Notte Europea dei Ricercatori e delle Ricercatrici 2022...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.