Generali: il mercato scommette su lista cda ma spera in ricomposizione fra soci/Adnkronos
G

La striscia

Bear Friendly, nascono i prodotti amici dell’orso

(Adnkronos) - Miele, frutta, ortaggi prodotti nella Maiella presto diventeranno ambasciatori della tutela dell’orso marsicano. Al via nella...

Ucraina, grano bloccato e caro energia. Verso la crisi alimentare globale

(Adnkronos) - Con i porti bloccati e l'export dei cereali al palo (che ora non si sa nemmeno...

Giornata mondiale tartarughe, allarme Enpa: “Sono in pericolo”

(Adnkronos) - Il 23 maggio è la Giornata mondiale delle tartarughe e l'Enpa lancia l'allarme: "Sono in pericolo"....

Il Giro d’Italia della Csr a Lecco, focus sulle filiere di prossimità

(Adnkronos) - Più una filiera è corta, più la sostenibilità diventa concreta. Le piccole e medie realtà locali...

Giornata Europea dei Parchi, obiettivo 30% di territorio protetto

(Adnkronos) - Il 24 maggio si celebra la Giornata Europea dei Parchi promossa da Europarc Federation con lo...

(Adnkronos) – Vittoria della lista del consiglio di amministrazione uscente e ricomposizione della spaccatura nell’azionariato di Generali. Alla vigilia dell’assemblea degli azionisti del gruppo assicurativo il mercato scommette sulla vittoria della lista del cda, sostenuta da Mediobanca, De Agostini e da una fetta importante degli investitori istituzionali. Ma, non amando la conflittualità prolungata che logora le società, spera anche che i principali azionisti della compagnia trovino un compromesso sulla governance e sulla crescita futura. L’assemblea dei soci di domani dovrebbe registrare un’affluenza molto elevata, attorno al 70%. E tanto più sarà elevata, più ampio è dato lo scarto fra la lista del cda, vista come vincente, e quella degli sfidanti. 

La differenza di voti, secondo alcuni analisti e gestori contattati dall’Adnkronos, potrebbe anche arrivare al 10% del capitale. O comunque essere superiore al 6%, una soglia dirimente, data dalla somma del 4,42% preso in prestito da Mediobanca e dell’1,4% di De Agostini che non saranno più nelle disponibilità dei due azionisti poco dopo l’assemblea. Sotto il 6% il gruppo Caltagirone, come ipotizzato dal candidato presidente Claudio Costamagna, potrebbe impugnare l’esito dell’assise e contestarne la validità in tribunale e alle autorità di vigilanza. Se sarà determinante l’affluenza, saranno importanti anche i voti che andranno alla lista di Assogestioni, che però dovrebbe aggiudicarsi una quota molto contenuta, senza riuscire a eleggere un proprio consigliere. 

Se la terza lista di minoranza, proposta da Sgr e fondi, non dovesse superare la soglia del 5% del capitale e se il cda sarà confermato a 13 componenti, ai vincitori andranno nove consiglieri e ai secondi classificati quattro posti. Riproponendo un consiglio spaccato. Una prospettiva, secondo il mercato, da evitare in ogni modo. “Alla fine si arriverà per forza a un compromesso”, fra azionisti e nel cda, dice Wolfram Mrowetz, amministratore delegato di Alisei Sim. Un accordo “è necessario per non fare altri danni” e la famiglia Benetton “può fare da paciere per trovare una ricomposizione”. 

Per Mrowetz all’assemblea di domani “non ci sono dubbi che vincerà Mediobanca, anche perché la gestione di Philippe Donnet è stata buona. Ma Caltagirone ha raccolto un consenso importante e non si può ignorare questa fetta di azionisti”. Per l’ad di Alisei Sim il problema è che Generali “negli anni non si è adeguata quanto a dinamismo e presenza internazionale a quello che hanno fatto le concorrenti. E’ rimasta indietro”. E la ‘presa’ di Mediobanca è “un problema, perché non ha i mezzi per sostenere una Generali più dinamica, magari con un aumento di capitale”. Anzi, è Generali che “supporta le attività di Mediobanca e ne rimane prigioniera”.  

Gli analisti di Societe Generale, che fissano il target price del titolo a 20 euro, in un report recente parlano di “una dura battaglia fra gli azionisti” per il controllo della compagnia, con entrambe le parti che hanno incontrato gli investitori per cercare supporto per i rispettivi piani. La lista del board uscente “sembra aver ottenuto il sostegno di diversi investitori istituzionali”, mentre gli sfidanti hanno consolidato la propria posizione nel capitale e “potrebbe ottenere l’appoggio di altri investitori italiani”. Indipendentemente dall’esito dell’assemblea, concludono, il titolo Generali “potrebbe rimanere sotto pressione nel breve termine a causa di fattori tecnici”. 

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.