Mascherine al chiuso 1 maggio, cosa cambia in Italia
M

La striscia

(Adnkronos) – Mascherine al chiuso, dal 1 maggio stop all’obbligo in Italia salvo qualche eccezione. “Dal 31 marzo – ha annunciato infatti il ministro della Salute Roberto Speranza – abbiamo superato lo stato di emergenza, ma non siamo fuori dalla pandemia e serve ancora cautela. Pochi minuti fa è stato approvato un emendamento in Commissione” Affari sociali della Camera “che proroga l’uso della mascherina fino al 15 giugno in ambito sanitario, ospedali e rsa, nel trasporto pubblico locale e a lunga distanza, negli studi professionali, nei cinema e teatri e negli eventi sportivi al chiuso”. In attesa dei dettagli dell’ordinanza, è in ogni caso confermato l’addio al dispositivo anti covid in gran parte degli ambienti dove finora era stato obbligatorio. 

“Con l’approvazione in Commissione alla Camera dell’emendamento all’ultimo decreto Covid di marzo – ha ribadito quindi in una dichiarazione il sottosegretario alla Salute Andrea Costa a margine dei lavori della Commissione – finisce l’obbligo dell’utilizzo delle mascherine praticamente ovunque. Resteranno obbligatorie al chiuso fino al 15 giugno nel trasporto pubblico locale e a lunga percorrenza, per gli spettacoli aperti al pubblico nei cinema, nei teatri, nei locali di intrattenimento e musica dal vivo e per tutti gli eventi e competizioni sportive che si svolgono al chiuso. Sarà così anche per lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie, socio sanitarie e socio assistenziali, incluse le Rsa. In tutti gli altri luoghi di lavoro, senza distinzione tra pubblico e privato, la mascherina sarà solo fortemente raccomandata”.  

FLASH

Le ultime

Come vincere di più al blackjack

Stai cercando modi per vincere di più nel gioco del blackjack ma non sei sicuro di cosa stai sbagliando...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.