Mariupol, comandante Azov: “Non ci arrenderemo mai
M

La striscia

Svelati a Bolzano i riti funerari dell’Età del Bronzo

(Adnkronos) - Scoperto a Bolzano un crematorio risalente all’età del Bronzo (1150-950 ca a.C.). Lo hanno individuato gli...

Sneakers, che tesoro!

(Adnkronos) - Fa proseliti anche in Italia la passione sfrenata per un capo d'abbigliamento solo apparentemente casual: le...

Ikea Italia con AzzeroCO2 riqualifica 3.000mq del Gianicolo

(Adnkronos) - Un progetto di riqualificazione ambientale e paesaggistica di un’area del Colle del Gianicolo di Roma con...

Coripet approva bilancio 2021, turnover di 114 mln di euro

(Adnkronos) - Cresce la quota di mercato, così come i ricavi ed i contributi per i maggiori oneri...

Th Resorts, strutture certificate ed energia 100% green

(Adnkronos) - Th Resorts, marchio turistico italiano nato nel 1977, certifica la sostenibilità di tutte le strutture con...

(Adnkronos) – “Non consideriamo la possibilità di arrenderci o le condizioni per una resa, consideriamo solo garanzie per lasciare il territorio dell’acciaieria Azovstal: siamo pronti ad un’estrazione, magari verso un Paese terzo, ma con le nostre armi in pugno”. Lo afferma alla Cnn Sviatoslav Palamar, comandante del battaglione Azov, parlando dei suoi uomini asserragliati all’interno dell’Azovstal, insistendo però sulla necessità che vengano messi in salvo i civili che si trovano all’interno dell’enorme impianto siderurgico e che “verrebbero uccisi in un assalto dei russi”.  

“Abbiamo chiesto l’evacuazione dei civili – ha detto – sin da marzo stiamo parlando con tutto il mondo per ottenere che politici internazionali o organizzazioni garantiscano una evacuazione sicura dei civili. Quindi se mi chiedete se siamo pronti a far andare via i civili, rispondo che non solo siamo pronti ma abbiamo chiesto che i civili vengano salvati prima di tutto”.  

All’interno di Azovastal vi sono poi oltre 500 militari che vogliono garanzie che la loro vita venga salvata, continua Palamar: “Noi non vediamo nessuno scenario di resa – insiste – l’unica cosa che vediamo possibile è attraverso la garanzia di leader di Paesi terzi, possibilmente gli Stati Uniti, il Regno Unito, Israele o la Turchia, la garanzia che permetterebbe ad ogni soldato di uscire in sicurezza”. 

Riguardo poi al piano del governo ucraino per evacuare i civili, Palamar spiega di sapere che un convoglio dovrebbe arrivare a Mariupol, ma non vuole dire di più per ragioni di sicurezza: “Contiamo sulla Croce Rossa e le organizzazioni che sono dirette qui per prendersi cura prima di tutto dei feriti gravi, perché hanno bisogno di essere curati, hanno bisogno di aiuto”. 

Infine spiega che militari e civili sono in zone diverse all’interno della rete di bunker e cunicoli dell’acciaieria: “Ci sono sotterranei e bunker che non possiamo raggiungere perché sono sotto le macerie – aggiunge – non sappiamo se le persone che sono lì sono vive, ci sono persone intrappolate in posti che non possiamo raggiungere”.  

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.