Ucraina-Russia, Parolin: “Si torni a trattare senza precondizioni”
U

La striscia

Energia, Letizia Magaldi (Mge): “Serve patto su paesaggio e quadra tra tutti gli attori”

(Adnkronos) - "L'Italia è un'eccellenza manifatturiera e nel food. L'emergenza che stiamo vivendo devi aiutarci a valorizzare le...

Svelati a Bolzano i riti funerari dell’Età del Bronzo

(Adnkronos) - Scoperto a Bolzano un crematorio risalente all’età del Bronzo (1150-950 ca a.C.). Lo hanno individuato gli...

Sneakers, che tesoro!

(Adnkronos) - Fa proseliti anche in Italia la passione sfrenata per un capo d'abbigliamento solo apparentemente casual: le...

Ikea Italia con AzzeroCO2 riqualifica 3.000mq del Gianicolo

(Adnkronos) - Un progetto di riqualificazione ambientale e paesaggistica di un’area del Colle del Gianicolo di Roma con...

Coripet approva bilancio 2021, turnover di 114 mln di euro

(Adnkronos) - Cresce la quota di mercato, così come i ricavi ed i contributi per i maggiori oneri...

(Adnkronos) – Tra Russia e Ucraina “si torni a trattare senza precondizioni” per la pace. Lo chiede il segretario di Stato Vaticano cardinale Pietro Parolin intervenuto alla presentazione del libro del Papa ‘Contro la guerra’. Occorre mettere “sul tavolo tutte le opzioni per trovare soluzioni condivise o la guerra divorerà i figli dell’Ucraina”, ammonisce Parolin che ammette: “Non lo so se ci sono le condizioni per rimettersi al tavolo. Sarei negativo e pessimista. Ci sono stati tentativi avviati e proposti senza seguito. Penso però che non ci sono alternative. Bisogna continuare a trattare senza precondizioni”. 

Parolin non tace gli “scogli”: “Ieri sera dall’Ucraina mi dicevano che non ci sono incontri in presenza ma solo da remoto”. Si tratta, invece, “di mettere sul tavolo tutte le opzioni per trovare soluzioni condivise o la guerra divorerà i figli dell’Ucraina”. 

“Non entro nel merito delle decisioni che i vari Paesi hanno preso per l’invio di armi all’Ucraina, che come nazione ha diritto a difendersi dall’invasione subita. Dico soltanto – ammonisce il prelato – che limitarsi alle armi rappresenta una risposta debole”. “Sì, le armi sono una risposta debole, non una risposta forte! Una risposta forte – osserva Parolin – è una risposta che intraprende, cercando di coinvolgere tutti, iniziative secondo lo schema di pace, cioè iniziative per fare cessare i combattimenti, per arrivare a una soluzione negoziata, per pensare a quale sarà il possibile futuro di convivenza nel nostro Vecchio Continente”.  

 

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.