Sondaggio Aisa, 61% acquista carne in base a tipo allevamento
S

La striscia

Ondate di calore, maggio come luglio e agosto

(Adnkronos) - Ondate di calore sempre più precoci. Lo conferma quello che sta succedendo in questi giorni non...

Il riscaldamento globale nemico del sonno

(Adnkronos) - Il riscaldamento globale ci ruba il sonno. A sostenerlo è una ricerca condotta dall’Università di Copenhagen,...

Dalla genetica i pomodori alla vitamina D

(Adnkronos) - Pomodori modificati geneticamente per diventare fonte vegana di vitamina D. E’ l'obiettivo degli scienziati del John...

Ambiente, Altroconsumo: ‘palloncini per bambini poco sicuri anche per salute’

(Adnkronos) - Immancabili alle feste dei bambini e durante le celebrazioni più liete, i palloncini sono giocattoli che...

Cosmesi naturale, ingredienti fermentati trend dell’estate 2022

(Adnkronos) - Cosmesi naturale: gli ingredienti fermentati sono uno dei trend dell’estate 2022 grazie alla loro capacità di...

(Adnkronos) –
La garanzia del benessere degli animali da allevamento è sempre più un elemento chiave nelle scelte alimentari degli italiani, oltre che un aspetto considerato nella definizione della propria dieta. È quanto è emerso dal sondaggio che Aisa – Federchimica, Associazione nazionale imprese salute animale, ha realizzato in collaborazione con Swg, con interviste a 800 italiani maggiorenni, rappresentativi della popolazione per genere, età e zona geografica di provenienza. Il sondaggio, presentato oggi nel corso del webinar ‘Benessere animale, per mangiare e vivere meglio’, rivela che per 6 italiani su 10 è importante controllare il contenuto dell’etichetta e acquistare secondo le modalità con cui l’animale è stato allevato. Un’attenzione particolarmente presente in chi afferma di consumare poco o per niente prodotti di origine animale (70%).  

Sulla dieta preferita, vince l’equilibrio: il 57% degli intervistati infatti conferma di seguire un’alimentazione composta in egual misura da alimenti di origine animale e non. Un aspetto meno rilevante tra i più giovani: carne e latticini sono infatti preferiti dalla fascia di popolazione tra i 18 e 34 anni (18% del campione) che ne ha dichiarato un consumo fino a 4 volte a settimana. 

Il sondaggio rivela poi una particolare attenzione al Made in Italy: il 71% del campione che si sincera sempre che il prodotto sia 100% Made in Italy, un’eccellenza che tutto il mondo riconosce al nostro Paese (ne è convinto l’85% dei rispondenti), “perché vede in questo un elemento di sicurezza e anche di garanzia di qualità e salubrità”, commenta Riccardo Grassi, direttore di ricerca di Swg.  

Per l’82% degli intervistati la qualità dei prodotti di origine animale è strettamente connessa a un allevamento di qualità, ma se per molti un buon prodotto animale o derivato è da attribuire a corrette modalità di allevamento, la percezione cambia quando viene chiesto al campione quanto oggi gli allevamenti italiani siano attenti alla salute e al benessere degli animali: si potrebbe fare di più. Un italiano su due è convinto che nel nostro Paese c’è poca attenzione alla salute e al benessere dell’animale, e solo un intervistato su cinque dichiara che l’allevatore è molto attento al benessere dell’animale. Da notare anche il 15% convinto che gli allevamenti siano luoghi di sfruttamento e maltrattamento.  

“Assicurare la salute dei nostri animali significa anche assicurare la qualità degli allevamenti e quindi dei prodotti che ne derivano. Oggi investire nella salute animale e in quella del pianeta è centrale per assicurare a tutti noi un domani in salute, la piena realizzazione di One Health tutela anche le produzioni e salvaguarda il nostro Made in Italy” ha concluso Arianna Bolla, presidente di Aisa – Federchimica.  

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.