Firenze, Verdini condannato in appello a 5 anni e 6 mesi per bancarotta Ste
F

La striscia

Indagine Altroconsumo, veicoli condivisi la tendenza in spostamenti urbani

(Adnkronos) - Sebbene l’Italia resti uno dei Paesi con un tasso di motorizzazione tra i più alti d’Europa...

Spazio, Nasa alla riscossa con Starliner

(Adnkronos) - La NASA è pronta per il test della capsula spaziale Starliner. Lo hanno annunciato alcuni funzionari...

Più fiori per la salvaguardia delle api e dell’ambiente

(Adnkronos) - Difendere l'ambiente e tutelare la biodiversità attraverso l'ecologia integrale. In occasione della Giornata mondiale delle api...

Contro il cancro anche la fibra ottica

(Adnkronos) - Usare la fibra ottica per lottare contro il cancro. E’ l’idea dietro il dispositivo sviluppato dal...

Harry e Megan, anniversario con telecamere

(Adnkronos) - Harry e Megan festeggiano oggi il loro quarto anniversario di matrimonio. Secondo le tradizioni Usa, dopo...

(Adnkronos) – La Corte d’appello di Firenze ha confermato la condanna per Denis Verdini e altri quattro imputati nel processo per la bancarotta fraudolenta del fallimento della Società Toscana di Edizioni (Ste), la società editrice che fino al 2012 ha pubblicato Il Giornale della Toscana. I giudici hanno accolto la richiesta della procura generale che durante il dibattimento aveva chiesto la conferma delle pene per tutti e cinque gli imputati, così come disposto in primo grado, il 13 settembre 2018, dal tribunale di Firenze. 

Per l’ex senatore di Forza Italia ed Ala Denis Verdini la pena è di 5 anni e 6 mesi di reclusione; per l’ex deputato Massimo Parisi, ex coordinatore regionale toscano di Forza Italia e già amministratore delegato della Ste, 5 anni; per Girolamo Strozzi Guicciardini, ex presidente del consiglio di amministrazione della Ste, 3 anni; per Enrico Luca Biagiotti, ex membro del cda, 3 anni; per Pierluigi Picerno, ex amministratore delegato e poi liquidatore della Ste dichiarata fallita nel febbraio 2014, 3 anni.  

“Faremo certamente ricorso in Cassazione contro la decisione della Corte d’appello, perché a nostro parere è ingiusta”, ha detto all’Adnkronos l’avvocato Massimo Rocchi, difensore di Verdini. “Come abbiamo dimostrato nel processo – afferma Rocchi – siamo di fronte ad una bancarotta riparata. Il patrimonio della società è stato reintegrato due anni prima della dichiarazione di fallimento. Pertanto, non esiste più il reato di bancarotta fraudolenta. Per noi questo è un fatto storico e processuale. Aspettiamo di leggere le motivazioni della Corte per capire perché in appello i giudici hanno riproposto le stesse pene del primo grado”. 

La Ste era la società che editava Il Giornale della Toscana e che ha cessato le pubblicazioni nel 2012. Due anni dopo, il 5 febbraio 2014, la società venne dichiarata fallita dal Tribunale. Verdini, nella sua veste di socio di maggioranza, è stato considerato dalla Procura “amministratore di fatto” della società editrice.  

Il 3 novembre 2020 la Cassazione ha condannato in via definitiva Verdini a 6 anni e mezzo per la bancarotta dell’ex Credito Cooperativo Fiorentino, banca locale di cui è stato a lungo presidente. L’ex parlamentare sta scontando la pena, dopo un periodo trascorso nel carcere romano di Rebibbia, in regime di detenzione domiciliare nella sua casa di Firenze.  

 

 

FLASH

Le ultime

Massimo Mariotti riconfermato presidente di Serit

L’assemblea dei soci ha nominato il 6 maggio il nuovo consiglio di amministrazione di Serit, società che gestisce il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.