Clima, meteorologo Giuliacci: “Dai ghiacciai alle piogge, gli effetti dei cambiamenti sono allarmanti”
C

La striscia

(Adnkronos) – “Il clima sta cambiando e il fatto che sia colpa dell’uomo non è una semplice sensazione, ce lo dicono i dati scientifici: stiamo modificando il clima molto rapidamente ed è un gravissimo problema”. Lo afferma il meteorologo Andrea Giuliacci, in occasione della presentazione della nuova campagna di E.On lanciata da Termoli. 

Il cambiamento climatico, spiega Giuliacci, “non è solo un cambiamento delle temperature. Sui ghiacciai i dati sono allarmati: il comitato glaciologico italiano ha certificati che in circa 50 anni abbiamo perso un terzo dei nostri ghiacciai. Questo significa che se dovessimo andare avanti con questo trend entro la fine del secondo poco ci rimane dei nostri ghiacciai”. Eppure, sottolinea il meteorologo, i ghiacciai non sono solo belli da vedere ma rappresentano una riserva idrica importantissima che “utilizziamo per usi domestici, agricoli e d energetici”.  

E come i ghiacciai, aggiunge Giuliacci, “stiamo guastando tanti altri aspetti del nostro clima in maniera drastica e drammatica. Basti pensare alle piogge. Noi sappiamo che negli ultimi 120-130 anni la quantità di pioggia che cade mediamente in Italia non è cambiata di molto. Ma i dati ci dicono anche che i numeri di giorni piovosi sono notevolmente diminuiti questo vuol dire la stessa quantità di pioggia tutta concentrata in meno eventi. E così l’acqua quando arriva è violenta e fa disastri”. A tutto questo, conclude Giuliacci, “dobbiamo porre rimedio e possiamo farlo”. 

FLASH

Le ultime

E’ l’ora dell’ecologia conservatrice

Con l'ascesa di Fratelli d'Italia, cambia anche il paradigma della politica nel governare i temi dell'ambiente. Innovazione, difesa e...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.