“Fai la brava o ti ammazzo”: picchiano 20enne, tre denunciate
&

La striscia

Indagine Altroconsumo, veicoli condivisi la tendenza in spostamenti urbani

(Adnkronos) - Sebbene l’Italia resti uno dei Paesi con un tasso di motorizzazione tra i più alti d’Europa...

Spazio, Nasa alla riscossa con Starliner

(Adnkronos) - La NASA è pronta per il test della capsula spaziale Starliner. Lo hanno annunciato alcuni funzionari...

Più fiori per la salvaguardia delle api e dell’ambiente

(Adnkronos) - Difendere l'ambiente e tutelare la biodiversità attraverso l'ecologia integrale. In occasione della Giornata mondiale delle api...

Contro il cancro anche la fibra ottica

(Adnkronos) - Usare la fibra ottica per lottare contro il cancro. E’ l’idea dietro il dispositivo sviluppato dal...

Harry e Megan, anniversario con telecamere

(Adnkronos) - Harry e Megan festeggiano oggi il loro quarto anniversario di matrimonio. Secondo le tradizioni Usa, dopo...

(Adnkronos) – La Polizia di Stato di Cagliari ha denunciato due ragazze minorenni e una 21enne, residenti nell’hinterland di Cagliari, per aver picchiato una studentessa 20enne, di Cagliari, la sera del 9 febbraio scorso, di fronte alla stazione dei pullman in Piazza Matteotti. Le tre giovani dovranno rispondere di lesioni aggravate e di minacce gravi. 

Secondo quanto ricostruito dalla Squadra Mobile, le tre si sono scagliate contro la loro coetanea perché un ragazzo aveva fatto degli apprezzamenti gentili nei sui confronti dopo aver respinto una delle bulle che aveva tentato un approccio con lui. La ragazza respinta, a quel punto, ha iniziato a offendere e minacciare la coetanea e poi, in un crescendo di insulti, l’ha afferrata per i capelli e ha iniziato a picchiarla con l’aiuto delle altre due amiche.  

La vittima è quindi caduta a terra e le bulle le hanno sferrato alcuni calci alla testa e all’addome, arrivando persino a strapparle alcune ciocche di capelli. La giovane è dovuta ricorrere alle cure dei medici del Pronto Soccorso dell’ospedale “Brotzu” per una contusione cranica e alla mandibola, con una prognosi di 10 giorni. All’aggressione avrebbero assistito alcuni passanti ma nessuno è intervenuto o ha chiamato il 113. Solo la vittima dell’aggressione ha avuto il coraggio di denunciare alla Polizia quanto accaduto. Insulti e minacce come ‘sei una debole, fai la brava se no ti ammazzo’, sono proseguiti nei giorni successivi attraverso Instagram. 

FLASH

Le ultime

Massimo Mariotti riconfermato presidente di Serit

L’assemblea dei soci ha nominato il 6 maggio il nuovo consiglio di amministrazione di Serit, società che gestisce il...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.