Colombia, Ingroia: “Come mai Pecci non era protetto?”
C

La striscia

(Adnkronos) – “Io non ho conosciuto personalmente Marcelo Pecci, ma lo conoscevo di fama anche perché qualche anno fa partecipammo, seppur in giornate diverse, allo stesso convegno-seminario in America Latina sulla lotta al narcotraffico. Avendo lavorato per anni in America Latina conosco l’efferatezza dei narcos colombiani e messicani, in collegamento anche con le mafie italiane. Il tutto a dimostrazione che le mafie globali costituiscono ancora oggi l’emergenza numero uno e che non bisogna mai abbassare la guardia né in America Latina né in Italia. Mentre da noi si alimenta l’illusione che la mafia è stata sconfitta o confinata nei suoi territori di origine”. A dirlo all’Adnkronos è l’ex Procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, che per qualche tempo ha lavorato in Sudamerica.  

“Come dimostra anche la limitazione della mia protezione solo in Sicilia, come se la mafia fosse confinata in Sicilia”, aggiunge l’ex magistrato che oggi fa l’avvocato, facendo riferimento alla decisione del Tar di assegnargli la scorta solo in Sicilia e non fuori dalla regione. “La domanda quindi sorge spontanea per Pecci: come mai non era protetto anche se lontano dalla sua sede di lavoro?”, conclude Ingroia. 

FLASH

Le ultime

È stato un buon campionato per il Verona?

In questo periodo dell’anno si avviano alla conclusione gli anni scolastici e i campionati di calcio, situazioni per cui...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.