Piovella (Soi): “Serve aggiornamento dell’assistenza oculistica”
P

La striscia

Svelati a Bolzano i riti funerari dell’Età del Bronzo

(Adnkronos) - Scoperto a Bolzano un crematorio risalente all’età del Bronzo (1150-950 ca a.C.). Lo hanno individuato gli...

Sneakers, che tesoro!

(Adnkronos) - Fa proseliti anche in Italia la passione sfrenata per un capo d'abbigliamento solo apparentemente casual: le...

Ikea Italia con AzzeroCO2 riqualifica 3.000mq del Gianicolo

(Adnkronos) - Un progetto di riqualificazione ambientale e paesaggistica di un’area del Colle del Gianicolo di Roma con...

Coripet approva bilancio 2021, turnover di 114 mln di euro

(Adnkronos) - Cresce la quota di mercato, così come i ricavi ed i contributi per i maggiori oneri...

Th Resorts, strutture certificate ed energia 100% green

(Adnkronos) - Th Resorts, marchio turistico italiano nato nel 1977, certifica la sostenibilità di tutte le strutture con...

(Adnkronos) – “Bisogna agire e soprattutto vigilare che le indicazioni siano a disposizione delle persone, per questo dobbiamo informare e aggiornare su quello che oggi l’oculistica è in grado di fare per salvaguardare la loro vista”. Nella cura della maculopatia, una malattia della retina, “l’impegno della Società oftalmologica italiana (Soi) è stato decisivo, ma dobbiamo guardare ai numeri: più del 50% delle persone con questa patologia non ha accesso alle cure che ha diritto di avere”. Così Matteo Piovella, presidente della Soi, anticipando i temi del 19esimo congresso nazionale dell’associazione scientifica, previsto dal 18-21 maggio a Roma. 

“L’oculistica – aggiunge Piovella – è considerata un’assistenza di tipo elettivo, non prioritario. Questo ha ridotto del 50% interventi e visite nel 100% della popolazione”, durante la pandemia. “Prendiamo atto della carenza assistenziale del Servizio sanitario nazionale, dell’incapacità di aggiornamento delle risorse e delle tecnologie che inevitabilmente si riverbera, a cascata, sui pazienti”, dice il presidente di Soi ricordando quello che avviene, ad esempio, per la cataratta. “La chirurgia maggiormente eseguita nel nostro Paese, che ridà la vista nell’opacizzazione del cristallino, è diventata un’altra chirurgia, non è più un aggiornamento dell’antica chirurgia della cataratta, ma una nuova realtà che deve essere sostenuta dalla tecnologia. Attualmente nel Ssn questo tipo di nuovo intervento non è attuato”. 

Al congresso Soi ci sarà spazio anche per parlare di salute dell’occhio e alimentazione, durante un simposio previsto il 18 maggio. “La retina – spiega Piovella – è un tessuto con una circolazione unica e abbastanza penalizzata. Ha bisogno di sostanze, come la luteina, che noi non produciamo e che dobbiamo assumere dall’esterno. Niente di drammatico o sconvolgente – rassicura il presidente della Soi – ma, è ovvio che individuare e suggerire alcuni alimenti di normale utilizzo, può contribuire a salvare la visa di moltissime persone. Un obbligo e un impiego su cui anche il ministero della Salute ha chiesto una collaborazione, a cui non siamo stati indifferenti”. 

Durante il congresso si parlerà anche della sensibilità al contrasto. Si tratta di “un disturbo poco conosciuto – precisa Piovella -. Almeno il 40% della popolazione, negli anni che passano, fatica a riconoscere scritte e numeri quando i colori non sono in contrasto”. Il riferimento è ai testi delle scadenze dei cibi, avvertenze di sicurezza nei luoghi di lavoro dove, una facile individuazione di queste informazioni è indispensabile anche per salare la vita delle persone. “Abbiamo tutti i dati tecnici – ricorda il presidente della Soi – e vogliamo dare indicazioni perché queste causalità, come scrivere date di scadenza in modo evidente e adeguato e misure fondamentali per salvare la vita non siano scritte troppo piccole o con un contrasto per cui il 40% delle persone non riesce a leggerle. Bastano delle banali indicazioni- conclude Piovella – serve la coscienza di chi ha queste responsabilità perché queste indicazioni siano rispettate, nell’interesse di tutti”. 

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.