Mariupol, Azov: “Situazione critica, ma teniamo posizioni”
M

La striscia

Ondate di calore, maggio come luglio e agosto

(Adnkronos) - Ondate di calore sempre più precoci. Lo conferma quello che sta succedendo in questi giorni non...

Il riscaldamento globale nemico del sonno

(Adnkronos) - Il riscaldamento globale ci ruba il sonno. A sostenerlo è una ricerca condotta dall’Università di Copenhagen,...

Dalla genetica i pomodori alla vitamina D

(Adnkronos) - Pomodori modificati geneticamente per diventare fonte vegana di vitamina D. E’ l'obiettivo degli scienziati del John...

Ambiente, Altroconsumo: ‘palloncini per bambini poco sicuri anche per salute’

(Adnkronos) - Immancabili alle feste dei bambini e durante le celebrazioni più liete, i palloncini sono giocattoli che...

Cosmesi naturale, ingredienti fermentati trend dell’estate 2022

(Adnkronos) - Cosmesi naturale: gli ingredienti fermentati sono uno dei trend dell’estate 2022 grazie alla loro capacità di...

(Adnkronos) – Guerra Ucraina-Russia, “il nemico continua ad assaltare il territorio dello stabilimento Azovstal. Durante l’80° giorno dell’invasione su vasta scala, gli occupanti hanno sganciato bombe aeree sui difensori di Mariupol, usato artiglieria pesante, carri armati e un gran numero di forze di fanteria per tentare di assaltare le posizioni ucraine”. Lo riferisce su Telegram il battaglione Azov. 

“Nonostante la situazione estremamente critica, i difensori, compiendo sforzi sovrumani, respingono i tentativi di sfondamento delle truppe”, concludono i combattenti di Azov. 

Sarebbero seicento i feriti intrappolati nelle acciaierie Azovstal. Lo riferisce ‘The Kyiv Independent’, citando un agente della polizia locale, asserragliato a difesa dello stabilimento. “I soldati feriti senza arti giacciono uno accanto all’altro, in condizioni non igieniche, tra mosche, suoni di dolore e cattivi odori”, ha detto, parlando di situazioni “semplicemente terribili”. 

L’agente ha sottolineato che i combattenti feriti “non hanno medicine e la sala operatoria è costituita solo da un tavolo contro un muro, su cui i soldati vengono operati senza anestesia”. 

Dal canto loro le famiglie dei soldati ucraini bloccati all’interno delle acciaierie Azovstal hanno rivolto un appello al presidente cinese Xi Jinping, chiedendogli di fare da mediatore per l’evacuazione dei loro cari. La stessa richiesta che i parenti dei combattenti asserragliati nello stabilimento, avevano già rivolto pochi giorni fa al presidente turco Recep Tayyip Erdogan. 

Bloccati nei tunnel dell’acciaieria, senza cibo, acqua e medicine, i difensori di Mariupol “stanno vivendo un vero inferno, prego per un miracolo. Meritano di tornare in superficie e vedere la luce del sole”, ha detto alla Cnn Tanya Vychnyk, mamma di un combattente di 21 anni. 

“Gli abitanti di Mariupol che sono sfuggiti dalla città riferiscono che gli occupanti stanno interrogando i bambini”, ha fatto sapere su Telegram Lyudmyla Denisova, la commissaria per i diritti umani del Parlamento ucraino, aggiungendo che i piccoli vengono interrogati per “verificare l’autenticità della testimonianza dei loro genitori”. 

“Nessun bambino può essere sottoposto a trattamenti crudeli e degradanti”, ha sottolineato Denisova, facendo “appello alla Commissione delle Nazioni Unite che indaga sulle violazioni dei diritti umani durante l’invasione militare russa dell’Ucraina, affinché tenga conto delle violazioni dei diritti dei bambini russi in Ucraina”. 

Denisova ha inoltre fatto sapere che “più di 40.000 residenti non sono ancora stata evacuati. La situazione si complica e la regione di Luhansk sta gradualmente diventando la seconda Mariupol”. “La regione è rimasta senza comunicazioni – ha denunciato – Nei paesi non ci sono elettricità, acqua, gas o comunicazioni mobili”, mentre i russi “continuano a colpire l’importante autostrada Lysychansk-Bakhmut, l’unica strada che può essere utilizzata per evacuare le persone e consegnare beni umanitari”. 

E’ stato possibile evacuare 17 persone, di cui 3 bambini, da Severodonetsk, ha nel frattempo reso noto ai media locali il governatore di Luhansk, Serhii Haidai. 

Intelligence militare Kiev: “Russia manca di soldati per combattimento”
 

La Russia avrebbe esaurito le risorse umane per ricostituire i gruppi tattici dei battaglioni da combattimento da mandare in Ucraina. Lo afferma Vadym Skibitsky, del direttorato dell’intelligence militare ucraina, citato da Kyiv Independent. 

Secondo Skibitsky, per ovviare a questo problema la Russia ha fatto ricorso ad una mobilitazione segreta, facendo anche uso di coscritti. Nuove unità vengono ora formate negli oblast russi di Belgorod e Rostov per poterle mandare in Ucraina, ma si tratta di soldati inesperti. “I coscritti vengono convocati attraverso gli uffici di registrazione e arruolamento militare, firmano contratti, dopodiché vengono formate nuove unità e inviate nel territorio dell’Ucraina. Quanto sia efficace l’uso di tali truppe è già dimostrato dai combattimenti. In molti casi, questo non lo è”, ha affermato. Skibitsky ha anche sottolineato come il morale delle truppe russe sia molto basso, anche a causa delle numerose perdite. 

FLASH

Le ultime

Balenottere e capodogli in collisione con le navi: “Limiti di velocità per legge”

Per le balenottere e i capodogli nel Mediterraneo nord-occidentale le collisioni con le navi, note come "ship strikes", sono...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.