Buzzella (Confindustria Lombardia): “Italia rischia crisi, agire su cuneo fiscale ed energia”
B

La striscia

(Adnkronos) –
Aumentare gli sforzi e le pressioni per arrivare alla pace in Ucraina. Perché, oltre al costo in termini di vite umane, la guerra sta erodendo l’economia e

uropea e italiana
. Nel frattempo, per ridurre i danni all’economia, il governo italiano deve intervenire sul cuneo fiscale per ridare potere d’acquisto alle famiglie e sostenere con misure più incisive le imprese energivore, in forte sofferenza per l’aumento del prezzo dell’energia. “Condivido la linea del presidente del Consiglio Mario Draghi” sulla richiesta che Stati Uniti e Russia si parlino per trovare un accordo in Ucraina, dice all’Adnkronos il presidente di Confindustria Lombardia, Francesco Buzzella. Oltre alla distruzione in Ucraina, la guerra sta provocando “danni incredibili per noi europei, che rischiamo una profonda crisi, e per Africa e Medio Oriente, che comprano il 90% delle derrate alimentari, come grano e frumento, da Russia e Ucraina”.  

Il conflitto, che dura da quasi tre mesi, ha acuito i problemi legati ai rincari di materie prime ed energia dovuti alle strozzature nelle catene di approvvigionamento. E ora le economie europea, italiana e lombarda stanno iniziando a subirne gli effetti. Il Pil dell’eurozona, secondo le previsioni economiche della Commissione europea, è ora fissato al 2,7% nel 2022 e al 2,3% nel 2023. Nelle precedenti stime era rispettivamente al 4% e al 2,8%. E per l’Italia la frenata è ancora più brusca: la crescita sarà del 2,4% quest’anno e dell’1,9% il prossimo, contro i precedenti 4,1% e 2,3%. 

“Se ci sarà una frenata dei consumi, se i prezzi non scenderanno abbastanza e se la guerra continuerà prolungando il clima di incertezza, l’impatto sarà importante”, continua Buzzella. Nel primo trimestre del 2022 la produzione industriale della Lombardia ha registrato un incremento dell’1,8% sul trimestre precedente contro un dato nazionale negativo. “Non illudiamoci sui dati dei primi tre mesi, perché i prossimi trimestri saranno negativi”. Tanto che il secondo trimestre dovrebbe segnare una flessione del 2% del Pil a livello nazionale.  

A pesare sull’economia, sottolinea il presidente di Confindustria Lombardia, ci sono ora due elementi in particolare. Il primo è che con il continuo aumento dei prezzi dovuto al tasso di inflazione “si è arrivati al punto che il consumatore finale si ‘ribella’”. Il secondo punto “è la guerra, che crea incertezza, il principale nemico dell’economia. E con l’incertezza tante idee di acquisto vengono accantonate”. Con un armistizio o una pace e il ritorno di un clima di fiducia “la gente potrebbe tornare a vivere e spendere, ma fino a quel momento la sfiducia e l’incertezza avranno un impatto importante sugli acquisti”.  

Il governo, dice Buzzella, deve quindi intervenire in maniera decisa. Sul lato delle famiglie, “che hanno un problema di potere di acquisito, bisogna agire sul cuneo fiscale. Visto che si parla di un extragettito importante per quest’anno, si potrebbe destinarne una parte alla riduzione del cuneo per dare più potere d’acquisto”. 

Sul fronte delle imprese “bisogna limitare veramente il prezzo dell’energia per le imprese energivore, altrimenti diventa veramente difficile competere con i concorrenti stranieri. Occorre fare uno sforzo ulteriore”. Il governo, riconosce Buzzella, ha approvato qualche intervento contro il caro energia, “ma è difficile compensare un aumento che fra famiglie, imprese e terziario arriva a superare i 100 miliardi di euro”. Tenere i conti pubblici italiano in ordine “è corretto -conclude- ma bisogna anche pensare che le aziende danno lavoro e crescita. Bisogna dosare molto bene gli sforzi”.  

FLASH

Le ultime

Quarta ondata di caldo, le previsioni per le prossime ore

In questa seconda parte della settimana si sta facendo strada sull’Italia una massa d’aria rovente associata, come sempre, dall’anticiclone...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.