Ucraina, Timmermans: “In Russia le cose stanno cambiando, Putin è più debole”
U

La striscia

(Adnkronos) – Il presidente russo Vladimir Putin “è più debole di prima” dell’inizio dell’invasione dell’Ucraina, perché in Russia le cose “stanno cambiando”, come si vede anche dall’opposizione alla guerra che emerge “nei concerti” rock e anche da parte delle “madri”, che “non vedono più i figli”. A sostenerlo è il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea Frans Timmermans, ospite di Mezz’ora in più, su Rai 3.  

“Vedo che nella società russa, passo per passo – afferma – c’è un cambiamento, soprattutto le madri che non vedono più i loro figli. Incominciano a chiedere, ma che cosa sta succedendo? Abbiamo già visto anche le prime espressioni di protesta nei concerti negli ultimi giorni, vediamo anche” che le sanzioni “stanno avendo un’influenza sul sistema economico. Adesso lo stanno dicendo anche i ministri russi. Dunque c’è un effetto”.  

“Era logico questo cambiamento, non è facile vedere quello che succede, ma io sento che c’è un cambiamento anche nel potere russo. Ci sono divisioni”. Potrebbe occorrere “molto tempo” per avere cambiamenti tangibili, “ma lui, Putin, non sta in una buona posizione ed è più debole di prima. E domani sarà ancora più debole di oggi”, dice Timmermans. 

Davanti alla guerra in Ucraina “nei guai non è soltanto l’Italia, dunque dobbiamo prepararci a un periodo difficilissimo per la società, per l’economia”, perché “stiamo in un cambiamento fondamentale. E questa guerra ci fa dei guai” sottolinea il vicepresidente esecutivo della Commissione Europea. 

“I prezzi dell’energia sono altissimi – continua – e questo ha un’influenza sull’economia”, ma “anche la Cina, dove stanno combattendo il Covid, è in difficoltà. Non è soltanto l’Italia” che si trova a fronteggiare delle difficoltà, ma gli sviluppi generati dal conflitto “avranno un effetto su tutti i Paesi membri, anche sull’Italia. Dunque dobbiamo prepararci a combattere insieme per rinforzare la nostra struttura economica”, conclude. 

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.