Brugola (Oeb): “Transizione ad auto elettrica fallirà”
B

La striscia

(Adnkronos) – Il futuro della mobilità privata non è ‘full electric’ e la transizione al motore auto solamente elettrico
fallirà. La politica, con i suoi slogan sul passaggio all’elettrico danneggia il settore dell’automotive e confonde i consumatori, rinviando decisioni di acquisto. Se il motore elettrico è un’opportunità per la mobilità, per ridurre le emissioni inquinanti bisognerebbe puntare sui motori ibridi e, in particolare per l’Italia, rinnovare il parco auto, fra i più vecchi d’Europa. La conversione totale all’elettrico, voluta da alcune istituzioni europee, “è una tendenza che fallirà” e un passaggio al 2035 al solo elettrico “non è fattibile in maniera così netta”, spiega all’Adnkronos Jody Brugola, presidente di Oeb, Officine Egidio Brugola, impresa quasi centenaria di Lissone, in provincia di Monza e Brianza, il cui fondatore, Egidio Brugola, inventò e brevettò la vite a brugola. L’azienda è ora specializzata nella produzione viti critiche e componenti di fissaggio per il settore automotive, ha 11 stabilimenti produttivi in Italia e uno in Michigan, negli Stati Uniti, 500 dipendenti e un fatturato 2020 di 150 milioni di euro. 

In Italia, secondo i dati Unrae, l’associazione delle case automobilistiche estere che operano in Italia, le auto a benzina e diesel con oltre 34,5 milioni di unità rappresentano il 90% del parco circolante. Cresce però il numero delle auto elettriche ‘alla spina’, le Ecv, salite al 9,4% del parco totale, molto indietro rispetto al 26% della Germania, al 18,6% del Regno Unito e al 18,3% della Francia.  

“Sono slogan dannosi, visto che manca un piano ben definito per la transizione”, continua Brugola. Tanto che anche l’Europarlamento ha raffreddato la fede europea nell’elettrico, con la commissione Trasporti che ha votato contro l’abolizione dei motori a scoppio dal 2035, pronunciandosi invece a favore di un mix tecnologico. La transizione “deve essere gestita”, insiste il presidente di Oeb. E la politica italiana si deve rendere conto “della centralità del proprio settore automotive, che ci legano alla Germania, all’Europa e al mondo. Siccome siamo forti in questo settore, dobbiamo tutelare i nostri interesse, i nostri posti di lavoro e le aziende”. Se mancherà la tutela del settore, si rischiano “centinaia di migliaia se non milioni di disoccupati che lavorano nel settore in Europa”.  

Per Brugola si parla in maniera “troppo semplicista” dell’auto elettrica e del motore elettrico e si crea “un danno notevole” alle aziende del settore, dai produttori a tutto l
‘indotto. “Anche se tutte le case automobilistiche stanno investendo in questo segmento non significa che avranno successo”. Anche perché “è molto prematuro dire che non ci saranno più i motori a combustione, visto che gli Euro 6 e gli Euro 7 sono estremamente puliti. Sia i motori diesel che benzina hanno fatto dei grandi passi in avanti, consumano meno e durano di più”. 

In questo senso in Italia bisognerebbe puntare sul rinnovamento del parco auto. Secondo l’Unrae, le 38,8 milioni le auto circolanti nel Paese a fine 2021 hanno un’età media di 11,8 anni e il 26% di auto circolanti è pre-Euro 4. “Bisogna incentivare a comprare auto nuove e di nuova generazione, dismettendo il parco auto obsoleto che abbiamo”. L’altra direttrice è puntare sui motori ibridi. “La soluzione dell’ibrido è la migliore, funziona da vent’anni e dà un beneficio in città”, sostiene Brugola. Intanto per la diffusione dell’elettrico e livello di massa “manca l’infrastruttura, con le postazioni di ricarica in strada e nei garage, come anche la possibilità di produrre la giusta quantità di batterie e di smaltirle”. Infine ci sono anche pericoli sottovalutati sulla sicurezza delle batterie al litio, a causa di rischi incendio. “Il problema della sicurezza va affrontato molto più attentamente”.  

Intanto la Oeb si sta riposizionando sui motori elettrici. “Se le cose andranno sempre più sull’elettrico noi siamo pronti, stiamo già diversificando”, in particolare fornendo motori non coperti in passato e lavorando per nuove case automobilistiche. Inoltre, conclude Brugola, “ci spingiamo a fare viti che un domani potranno essere utilizzate sui motori elettrici, che non hanno a che fare solo con il motore ma che possono andare anche in altre parti della vettura”.  

FLASH

Le ultime

Pesca a strascico: è vietata ma continua a mietere vittime

Nel 2006 l’Unione Europea ha introdotto nel Mediterraneo il divieto di strascico nei siti marini Natura 2000, istituiti per...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.