Roma, a giudizio writer Geco
R

La striscia

(Adnkronos) – Citazione diretta a giudizio per il writer romano ‘Geco’, noto per murales e tag sparsi per la Capitale. La procura di Roma gli contesta il danneggiamento per oltre trentasei graffiti “perché imbrattava e danneggiava strutture e infrastrutture pubbliche di interesse storico artistico del Comune di Roma”. Tra quelle citate nel capo di imputazione l’Archivio centrale di Stato, la banchina del Tevere di Porta Portese, l’Arco dei Quattro Venti a Villa Pamphili e Parco degli Acquedotti. A Lorenzo Perris, in arte ‘Geco’, la pm Gianfederica Dito contesta anche l’accusa di ricettazione per due estintori poi risultati rubati.  

Geco era stato denunciato nel novembre 2020 dagli agenti del Nad, il Nucleo Ambiente e Decoro della Polizia di Roma Capitale. Oggi in tribunale si è svolta la prima udienza davanti al giudice monocratico nella quale il Campidoglio, rappresentato dall’avvocato Enrico Maggiore, ha chiesto di costituirsi parte civile.  

FLASH

Le ultime

Pesca a strascico: è vietata ma continua a mietere vittime

Nel 2006 l’Unione Europea ha introdotto nel Mediterraneo il divieto di strascico nei siti marini Natura 2000, istituiti per...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.