È stato un buon campionato per il Verona?

La striscia

In questo periodo dell’anno si avviano alla conclusione gli anni scolastici e i campionati di calcio, situazioni per cui è tempo di bilanci, di riflessioni e soprattutto di pagelle. Lasciamo da parte il mondo scolastico e concentriamoci sul mondo del pallone: il 2021/2022 è stato un campionato interessante, per certi versi scoppiettante, forse proprio quello che ci voleva per suggellare un vero rientro alla normalità anche per il mondo del pallone.

Tra le tante squadre che si sono distinte in questa Serie A non si può fare a meno di notare l’ottima, ma a tratti altalenante, prestazione del Verona. La squadra gialloblù finalmente riporta i fasti del bel calcio all’ombra dell’Arena e, con una partita ancora da giocare, ha un nono posto per le mani. Tuttavia, l’ultima giornata sarà decisiva per rinsaldare la propria posizione o, in caso contrario, scivolare verso il basso a vantaggio del Torino o del Sassuolo.

L’Arena di Verona, simbolo della città (Pexels)

Un campionato recuperato strada facendo

Il Verona ha decisamente lottato per questo risultato, sopportando un inizio di stagione decisamente deludente per il quale è finito alla sbarra l’allenatore Eusebio di Francesco, esonerato dopo tre sconfitte. I tifosi sapevano che era una scelta rischiosa, la dirigenza invece ha dovuto trovare una soluzione strada facendo, tant’è che anche i bookmaker come NetBet scommesse sportive hanno avuto il loro da fare, aggiustando costantemente le quote.

Per fortuna tutto è andato per il meglio e Igor Tudor è riuscito non solo a riparare i danni, ricompattando la squadra e portandola nella parte alta della classifica, anche grazie al modulo di difesa a tre. Ha potuto contare su una buona rosa, con diversi giocatori di valore che, forse, cercavano solo una guida capace di spronarli nella giusta maniera. Rimane un po’ di amaro in bocca per non essere dentro la zona delle coppe europee ma forse, visto l’avvio, non si poteva chiedere molto di più.

Si spera che la squadra non ceda sul finale

Il terzultimo e penultimo incontro, nonostante il Verona li disputasse in casa, hanno forse evidenziato un po’ di calo psico-fisico della squadra, che ha incassato due sconfitte, una con il Milan, in grande forma, e l’altra con il Torino, che forse era quella che non ci voleva. Ora l’ultima tappa di campionato all’Olimpico ad affrontare la Lazio, in una partita dall’esito imprevedibile. Per il Sassuolo sarà dura frenare un agguerrito Milan, che vuole mettere le mani sullo scudetto, mentre il Torino se la vede con la Roma, la quale deve assolutamente vincere per non rovinare del tutto una seconda parte di stagione che l’ha già vista in calo.

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.