Gas Russia, perché servono fonti rinnovabili e meno burocrazia
G

La striscia

(Adnkronos) – Meno burocrazia e più rinnovabili. Una ricetta per sostituire il gas russo e rendere l’Italia indipendente dal Cremlino. A proporla, in un’intervista a Money.it, è Giulio Fazio, direttore Affari legali di Enel. Che si sofferma su due aspetti: da una parte i permessi e la burocrazia che bloccano gli investimenti e dall’altra la necessità di puntare sulle fonti rinnovabili. 

Per quanto riguarda gli investimenti, secondo Fazio le risorse ci sono ma non vengono spese perché non si riesce a investire a causa di permessi incerti, procedure troppo lunghe o ricorsi che bloccano tutto. Servono “regole chiare” per incentivare gli investimenti. 

Dall’altra parte ci sono le rinnovabili: “Se avessimo avuto la capacità di avere in Italia più fonti rinnovabili oggi soffriremmo meno”, sottolinea il direttore Affari legali di Enel. I due temi posti da Fazio sono strettamente legati tra loro e proprio su questo servono, a suo giudizio, delle riforme. 

In particolare a oggi si prevede che i tempi per le autorizzazioni di un’opera infrastrutturale siano di 2-3 anni, un periodo considerato troppo lungo. Bisognerebbe, invece, autorizzare gli impianti da fonti rinnovabili in tre o massimo cinque mesi: così facendo “tra un anno avremmo la metà del problema del gas che abbiamo oggi”. E così l’Italia sarebbe molto meno dipendente dal gas russo, ma anche da altri strumenti definiti “incerti”, come la ricerca di “paesi instabili da cui approvvigionarsi”. 

FLASH

Le ultime

Pesca a strascico: è vietata ma continua a mietere vittime

Nel 2006 l’Unione Europea ha introdotto nel Mediterraneo il divieto di strascico nei siti marini Natura 2000, istituiti per...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.