Covid oggi Italia, Iss: ancora in aumento le reinfezioni
C

La striscia

(Adnkronos) –
Continua a salire il tasso di reinfezioni Covid in Italia. Anche nell’ultima settimana si registra un leggero aumento rispetto ai 7 giorni precedenti: si è saliti a una quota pari al 6,5%, laddove la scorsa settimana la percentuale era del 6%. E’ il trend, spinto da Omicron e dalle sue sottovarianti, che viene fotografato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) nel report settimanale sulla sorveglianza epidemiologica di Covid-19 e l’efficacia vaccinale, diffuso oggi nella versione integrale. 

“Dal 24 agosto 2021 al 25 maggio 2022 sono stati segnalati in Italia 502.029 casi di reinfezione, pari a 3,9% del totale”, fa il punto l’Iss. Chi rischia di più un nuovo contagio, con l’avvento di Omicron? L’analisi del rischio di reinfezione a partire dal 6 dicembre 2021 (data considerata di riferimento per l’inizio della diffusione della variante Omicron), evidenzia un aumento del rischio relativo aggiustato di reinfezione (valori significativamente maggiori di 1): nelle persone che hanno avuto la prima diagnosi Covid da oltre 210 giorni, rispetto a chi si è infettato tra i 90 e i 210 giorni precedenti; nei non vaccinati o vaccinati con almeno una dose da oltre 120 giorni rispetto ai vaccinati con almeno una dose entro i 120 giorni. 

Nell’elenco dei soggetti che risultano più a rischio ci sono poi le femmine rispetto ai maschi. Il maggior rischio nei soggetti di sesso femminile – analizza l’Iss – può essere verosimilmente dovuto alla maggior presenza di donne in ambito scolastico (>80%), dove viene effettuata un’intensa attività di screening, e al fatto che le donne svolgono più spesso la funzione di caregiver in ambito famigliare. E poi ci sono i più giovani, dai 12 ai 49 anni, rispetto alle persone con prima diagnosi in età compresa fra i 50-59 anni. Verosimilmente il maggior rischio di reinfezione nelle fasce di età under 50 – ribadisce l’Iss – è attribuibile a comportamenti ed esposizioni a maggior rischio, rispetto alle fasce over 60. E ovviamente più a rischio risultano gli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione. 

Quanto all’incidenza di Covid-19 in Italia è in calo in tutte le fasce d’età. Analizzando i diversi gruppi, tuttavia, è “nella fascia 10-19 anni” che “si registra il più alto tasso di incidenza a 14 giorni, pari a 863 per 100.000, mentre nella fascia di età 20-29 anni si registra il valore più basso, 622 casi per 100.000 abitanti”.  

“L’età mediana alla diagnosi dei soggetti segnalati negli ultimi 14 giorni è di 46 anni, decisamente più elevata rispetto al mese di febbraio 2022 – sottolineano gli esperti – in cui il valore era 37 anni. Anche l’età mediana al ricovero e all’ingresso terapia intensiva evidenziano un incremento dall’inizio dell’anno, passando rispettivamente da 71 a 75 e da 68 a 71”. 

E’ “stabile” rispetto alla settimana scorsa la percentuale dei casi di Covid-19 segnalati nei bambini e ragazzi in età scolare (0-19 anni) rispetto al resto della popolazione: si attesta al 19% secondo il report settimanale sulla sorveglianza epidemiologica Covid, diffuso oggi dall’Istituto superiore di sanità (Iss). “Nell’ultima settimana – si legge – il 17% dei casi in età scolare è stato diagnosticato nei bambini sotto i 5 anni, il 39% nella fascia d’età 5-11 anni, il 44% nella fascia 12-19 anni”. 

Risulta “in diminuzione il tasso di incidenza e il tasso di ospedalizzazione in tutte le fasce d’età” under 19, “benché i dati riferiti all’ultima settimana siano da considerare in via di consolidamento”, precisano gli esperti. 

Dall’inizio dell’epidemia, ricorda l’iss, sono stati diagnosticati e riportati al sistema di sorveglianza integrata Covid-19 complessivamente “3.905.569 di casi nella popolazione 0-19 anni, di cui 18.636 ospedalizzati, 413 ricoverati in terapia intensiva e 57 deceduti”. 

Infine questa settimana è “in leggera diminuzione, rispetto alla precedente, la percentuale di casi” Covid “tra gli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione (2,5%)”.  

FLASH

Le ultime

A Milano arriva il festival dei vini ancestrali

Parliamo dei vini ancestrali e rifermentati in bottiglia (col fondo, sur lie, sui lieviti), che oggi trovano un rinnovato interesse da parte di un...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.