Ddl Concorrenza, via libera del Senato
D

La striscia

(Adnkronos) – L’aula del Senato ha approvato il ddl Concorrenza con 180 sì. I no sono stati 26, 1 astenuto.  

Il testo non ha subito modifiche durante le votazioni sugli emendamenti ma non sono mancati momenti di tensione in aula sui punto balneari tra Lega e Fratelli d’Italia. A far scattare la polemica è stato il capogruppo leghista, Massimiliano Romeo, che ha chiesto perché mai Fdi non abbia presentato un emendamento soppressivo: “Io ho bisogno di capirlo, sennò viene il sospetto che politicamente fuori si vada a raccontare una storia e poi nella sostanza si approvi l’accordo che il governo ha fatto”. Immediata la replica del capogruppo di Fdi, Luca Ciriani: “I nostri emendamenti sono stati tutti puntualmente depositati in commissione e tutti puntualmente bocciati da chi adesso forse ha qualche crisi di coscienza e vuole imputare a noi errori che non ci appartengono. La verità fa male -incalza Ciriani – : il modo più semplice per abrogare un articolo è votare contro, non servono emendamenti. Avete scelto una strada, è la vostra, noi la rispettiamo, però non venite a incolparci di colpe che sono vostre e non nostre”. Ma Romeo non ci sta e controreplica: “Da quello che mi hanno spiegato a livello regolamentare gli emendamenti che vengono bocciati in commissione si possono ripresentare in aula… Mi sembra – conclude – di sentire lo scricchiolio di chi si arrampica sugli specchi”.  

 

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.