Spazio, Bernardini (ArianeGroup):”Subito più regole o sarà un Far West”
S

La striscia

(Adnkronos) – Nelle attività spaziali “servono subito più regole” altrimenti “sarà un Far West”. Ha chiuso con questa visione di prospettiva sulle attività in orbita l’ingegnere Morena Bernardini, Direttore Strategia e Innovazione di Ariane Group, terminando uno dei panel degli Stati Generali della Space Economy, in diretta oggi su Forbes.it “C’è spazio per tutto” eppure, ha argomentato Bernardini, lo spazio “sarà quello che noi decideremo sia nel futuro”, anche in termini di “connettività o per la difesa” ma “non sono per ‘lo spazio per tutti’ anche perché é estremamente costoso in termini energetici e anche ambientali”. L’ingegnere di ArianeGroup ha quindi ricordato come dal recente studio di Morgan Stanley emerga che “ammonterà a circa 30 miliardi di dollari il valore dei servizi dallo spazio da qui al 2030, ovvero fra 8 anni: riflettiamoci”. “Sono convinta- ha osservato ancora Bernardini- che lo spazio non rappresenti una produzione di massa e che se non ci diamo delle regole al più presto allora sì che sarà un Far West perché – lezioni politiche, interessi privati, proliferazione di oggetti nello spazio – sono fattori notevoli che potrebbero portare a questo Far West”. “C’è un grande bisogno di regole per lo spazio per evitare che quello che oggi è un terreno di gioco di alcuni abbia poi conseguenze su tutti” ha scandito ancora la manager.  

Guardando all’Europa spaziale, Bernardini ha inoltre rassicurato che i lanciatori europei Ariane e Vega – le cui versioni Ariane 6 e Vega C sono prossime al lancio – “non sono mai stati in reale competizione sul mercato”. “Invece di concentrarci su eventuali competizioni fra lanciatori così diversi, che peraltro non fanno lo stesso lavoro, guardiamo invece” ai successi europei come il contratto che Arianespace ha sottoscritto con Amazon il 5 aprile scorso. Grazie a questo accordo, ha ricordato l’ingegnere, “lanceremo la costellazione Kuiper, la costellazione di Amazon: questa è la dimostrazione che sappiamo lavorare insieme” e che “Amazon ha scelto Ariane per lanciare il suo progetto. E’ fantastico ma” tutto ciò “deve anche metterci in guardia su quanto lo spazio sia strategico”. “In nessun caso l’Europa” dovrà essere limitata rispetto “alla libertà di accesso allo spazio” ha osservato ancora Bernardini evidenziando che la evoluzione della costellazione Kuiper di Amazon è “un esempio importante” di quanto in Europa bisogna essere uniti e “guardare a modelli di business comuni” piuttosto che a eventuali competizioni.  

E nel quadro di una Space Economy globale, “i lanciatori europei Ariane e Vega simboleggiano la capacità di accesso dell’Europa” ha osservato Morena Bernardini. “Non voglio togliere nulla a Elon Musk, voglio però solo ricordare che Elon non è ‘l’unico bravo a scuola’” ha chiarito l’ingengere. Bernardini ha sottolineato inoltre di essere convinta che “lo spazio debba sempre rimanere strategico”. “Una grande potenza spaziale ha sempre, sempre una ferrea volontà governativa alle spalle” come “ci insegna proprio Space X. Si parla di contratti di business, di contratti di lancio di 30-40 ordini che vengono fatti dal governo: il modello americano ce lo insegna”. (di Andreana d’Aquino)  

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.