Ucraina, Monteduro (Acs): “Chiese trasformate in rifugi, in campo 6.229 religiosi cattolici”
U

La striscia

(Adnkronos) – In 100 giorni di guerra, i 6.229 religiosi e religiose cattolici presenti in Ucraina hanno garantito supporto e protezione a donne, bambini e anziani in fuga. Un impegno straordinario, “con spirito comunitario”, mai interrotto. A parlarne con l’Adnkronos è Alessandro Monteduro, direttore di ‘Aiuto alla Chiesa che Soffre’. “I 4.879 religiosi e le 1.350 religiose sono ancora tutti in Ucraina. In questi 100 giorni, a partire dall’inizio del conflitto, hanno avuto la capacità di trasformare tutti le realtà religiose – chiese, parrocchie, conventi e seminari – in luoghi di rifugio, di accoglienza. Luoghi nei quali alla cura dello spirito, e dunque all’attività pastorale, si è abbinata la cura del fisico, la protezione e ogni tipo di sostegno soprattutto verso donne, bambini e anziani costretti a lasciare le proprie dimore e le città in cui vivevano”, sottolinea Monteduro riferendosi all’opera di solidarietà da parte dei religiosi della chiesa greco-cattolica ucraina e quella di rito latino.  

“Mi sono recato in Ucraina nella prima settimana di maggio e ho visitato questi luoghi di accoglienza – prosegue Monteduro -, sono rimasto impressionato dall’organizzazione: tutti gli ospiti – così sono definiti, non si usano termini come migrante, profugo o sfollato – si sono resi protagonisti dell’attività comunitaria. C’è chi si occupa dell’accoglienza, chi delle pulizie, chi della cucina, chi della spesa, l’organizzazione, tra religiosi e ospiti, incarna a pieno lo spirito comunitario”.  

“La solidarietà mondiale è stata straordinaria, ho avuto modo di toccarla con mano visitando i depositi in cui sono stati raccolti i beni di prima necessità: c’era di tutto. Certo resta sempre al centro il tema delle medicine, in un contesto del genere è facile che qualcosa possa mancare”, aggiunge Monteduro, a giudizio del quale deve rimanere comunque alta l’attenzione sul sostegno alla comunità ucraina affinché mai si indebolisca il “flusso della generosità”.  

FLASH

Le ultime

A Milano arriva il festival dei vini ancestrali

Parliamo dei vini ancestrali e rifermentati in bottiglia (col fondo, sur lie, sui lieviti), che oggi trovano un rinnovato interesse da parte di un...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.