‘Area Draghi’, Renzi non convince Calenda: “E’ poco chiaro”
&

La striscia

(Adnkronos) – Sull'”area Draghi”, a distanza, continua il botta e risposta tra Matteo Renzi e Carlo Calenda. Il leader di Iv è stato il primo a parlare di “un sano contenitore riformatore che non farebbe fatica ad andare a doppia cifra”. Dalle colonne del ‘Corriere della sera’, a stretto giro è arrivata la replica di Calenda, non proprio concilianti: “Renzi è ancora estremamente poco chiaro su questo”.  

La nostra strada “è un polo del pragmatismo e del buongoverno che lavorerà per spezzare il bi-populismo, cioè per evitare che vinca una delle due coalizioni” e “perciò bisogna fare in modo di arrivare a un governo di larghe intese tra partiti europeisti e democratici”, ha spiegato il leader di Azione.  

“Questo polo deve prendere almeno l’8%. Da quella percentuale in su è in grado, non di fare l’ago della bilancia, cioè di andare a destra o a sinistra a seconda di chi offre di più, ma di costringere il Pd, Forza Italia e la Lega di Giorgetti a continuare con l’esperienza di governo di Draghi perché altrimenti il Paese tra inflazione e Pnrr che non si realizza va a sbattere”, è lo schema a cui sta lavorando Calenda.  

L’ex ministro dello Sviluppo ha anche parlato delle mosse di Matteo Renzi: “A mio avviso sta cercando un accordo con il Pd. Se così non è, noi siamo disponibilissimi. Del resto, sono settimane che dico a Renzi ‘incontriamoci, fammi che capire che vuole fare Iv
‘, però per il momento non c’è stata alcuna risposta”. 

A Calenda ha risposto il presidente dei senatori di Italia viva Davide Faraone: “I contenuti espressi dal governo Draghi vanno portati avanti da un’area che si deve formare in vista del 2023. E’ indubbio che c’è chi vive con sofferenza questo governo e chi ci sta per forza, come il M5S e la Lega: noi siamo convinti che questa esperienza serva al Paese e intorno a quelle politiche ci sia un consenso e ci possa essere un progetto concreto. Costruiamo una forza politica che dia gambe a quel progetto, se Calenda ci sta bene”, ha spiegato Faraone. 

Nella sua intervista al ‘Corriere della sera’, Renzi aveva parlato così delle sue strategie in vista delle prossime elezioni politiche: “Qui non si tratta di ragionare di nomi e cognomi ma di politica: c’è uno spazio che può salvare il Paese. È l’area Draghi, oggi, in Italia, ed è l’area Macron in Francia. È uno spazio che esiste. Non dare a questo spazio una casa e un tetto per mere ragioni di egocentrismo personale sarebbe folle e da irresponsabili. I prossimi mesi mostreranno chi è in grado di fare politica e chi invece vive di inspiegabili risentimenti, anche in questo centro riformista. Noi ci siamo con umiltà e determinazione”. 

 

 

FLASH

Le ultime

Pesca a strascico: è vietata ma continua a mietere vittime

Nel 2006 l’Unione Europea ha introdotto nel Mediterraneo il divieto di strascico nei siti marini Natura 2000, istituiti per...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.