Salute, 45% genitori non conosce virus sinciziale che è prima causa di polmonite nei bebè
S

La striscia

(Adnkronos) – Il virus respiratorio sinciziale (Rsv) è la principale causa di bronchiolite e di polmonite nei bambini di età inferiore a 2 anni, ma quasi la metà dei neogenitori (45%) non conosce la malattia e lamenta un’informazione scarsa e poco chiara sul tema. Sono dati che emergono dall’indagine ‘Genitorialità e prevenzione delle malattie infettive’, curata da DoxaPharma in collaborazione con FattoreMamma e promossa da Sanofi, presentata in occasione del lancio del contest #PerchéSì alla Scuola Holden di Torino. 

L’indagine, che ha interessato 1.800 genitori italiani, dimostra come, in seguito alla pandemia, più di un neogenitore su 3 (37%) ricerchi informazioni sulle malattie infettive dei neonati, ma solo il 10% si ritiene sufficientemente informato. Pur sapendo che la prevenzione è un fattore cruciale per tutte le malattie infettive, un genitore su 4 trova difficile e gravoso seguire le vaccinazioni per i propri figli, anche per mancanza d’informazione e canali specifici. Il 35% dei genitori che hanno partecipato all’indagine chiede di facilitare la conoscenza sui temi delle infezioni già in gravidanza o durante il corso preparto. Un elemento di preoccupazione dei genitori riguarda la difficoltà di riconoscere le malattie stesse, in particolare rispetto alle loro manifestazioni iniziali (9%), aspetto che non permette loro di intervenire tempestivamente. 

Per quel che riguarda Rsv, virus a circolazione stagionale che costituisce la principale causa di bronchiolite e polmonite, oltre che di ospedalizzazione tra i bambini nel primo anno di età, il 45% delle mamme e dei papà intervistati dichiara quindi di non conoscerlo, anche perché solo l’8% ne ha avuto esperienza diretta. Coloro che sono consapevoli dei rischi del virus percepiscono le patologie da Rsv come le più gravi, assieme a meningite e polmonite. 

“Negli ultimi mesi del 2021 le patologie da Rsv hanno registrato un impatto esponenziale rispetto al passato, dimostrando quanto siano imprevedibili le conseguenze che può avere per le famiglie e per il sistema sanitario nazionale – dichiara Mario Merlo, General Manager Divisione Vaccini di Sanofi in Italia – I genitori devono essere informati e consapevoli sui rischi di questa infezione respiratoria poiché tutti i bambini nella prima infanzia hanno bisogno di esserne protetti”. 

L’Rsv infetta quasi tutti i bambini almeno una volta entro i 2 anni di età. E’ quindi un virus molto comune e insidioso: tra i bambini nel primo anno di età, uno su 5 ha bisogno di assistenza medica ambulatoriale mentre 2 su 100 hanno devono essere ricoverati in ospedale, con un impatto importante sia sulle strutture sanitarie sia sulle famiglie. 

FLASH

Le ultime

Pesca a strascico: è vietata ma continua a mietere vittime

Nel 2006 l’Unione Europea ha introdotto nel Mediterraneo il divieto di strascico nei siti marini Natura 2000, istituiti per...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.