Una start up porta la moda artigianale Made in Italy nel mondo
U

La striscia

(Adnkronos) – Hanno tutti meno di 30 anni e vantano già curriculum internazionali Giovanni Friggi, Lorenzo Colucci, Carolina Du Chene e Vittorio Tatangelo, co fondatori della piattaforma Ad Hoc Atelier, marketplace online che ospita al suo interno solo brand etici, made in Italy e trasparenti. La start up, nata nel 2020 durante il primo lockdown, promuove prodotti di alta qualità fatti a mano da piccoli artigiani locali. La missione è puramente locale: andare a scovare i brand indipendenti italiani, per farli conoscere a tutto il mondo. “Selezioniamo e aggreghiamo i migliori artigiani e brand indipendenti made in Italy – spiega all’Adnkronos Giovanni Friggi, uno dei fondatori di Ad Hoc Atelier -. A oggi, sul nostro marketplace ci sono più di 100 artigiani che vendono le proprie creazioni in 16 Paesi. Noi li supportiamo nella vendita, mettiamo online i loro prodotti e li sponsorizziamo sui mercati esteri, in particolare in Germania, Austria e Medio Oriente”.  

Entrare in Ad Hoc Atelier è completamente gratuito “lavoriamo solo sulle commissioni di vendita – dice Friggi -. Per conto degli artigiani seguiamo tutte le fasi: prevendita, vendita, logistica e customer service. Abbiamo digitalizzato tutti questi processi e stiamo ricevendo ottimi feedback dagli artigiani che ci ringraziano per i lavoro che facciamo, perché con molti siamo arrivati a raggiungere cifre molto interessanti in Paesi dove prima non avevano mai venduto”. Il risultato è tangibile. “A maggio 2022 abbiamo più che quadruplicato il nostro fatturato – osserva Friggi – e transato il +400% rispetto al mese precedente, a fronte di una spesa di marketing raddoppiata. Siamo riusciti a vendere le creazioni dei nostri artigiani in più di 25 Paesi e il boost lo ha dato l’introduzione dei Paesi Arabi nella nostra strategia di marketing”.  

 

 

Per selezionare un brand Ad Hoc Altelier segue sei criteri: basso impatto, artigianato, Made in Italy, eticità, sostenibilità, e ‘realizzato da donne’. “Un dato importante è che il 69% degli imprenditori dei nostri brand sono guidati da donne – sottolinea Friggi -. E’ un aspetto che valorizziamo tantissimo, soprattutto in un Paese come l’Italia in cui l’imprenditoria è più maschile che femminile. Questo è un aspetto al quale teniamo molto”. I prodotti che vanno per la maggiore su Ad Hoc Atelier “sono le friulane e i borsoni da viaggio – spiega Friggi -. Ma anche tutti i prodotti personalizzati, con le iniziali, loghi o i nomi dei clienti ricamati a mano. La prossima sfida sarà includere la categoria home decor per diventare sempre più orizzontali sull’artigianato, dalle ceramiche alle tovaglie…sono prodotti che ci invidiano in tutto il mondo”. 

FLASH

Le ultime

Siccità: 9mila ettari già in fumo, agricoltura in ginocchio

L’Italia brucia con oltre 9mila ettari andati in fumo negli ultimi sei mesi, più che raddoppiati nel 2022 rispetto...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.