Bce, Lagarde non è Draghi. E per l’Italia è un problema
B

La striscia

(Adnkronos) – I mercati reagiscono male all’annuncio di un rialzo dei tassi e, soprattutto, al peggioramento delle prospettive economiche. Le decisioni della Bce hanno un peso oggettivo, ma anche la comunicazione e il carisma di chi le prende incidono. Christine Lagarde non è Mario Draghi, come è evidente già da tempo. Ma l’inizio di una nuova stagione per la politica monetaria, che va verso una stretta decisa, porta con sé una serie di conseguenze rilevanti per i Paesi più esposti alla speculazione, come l’Italia.  

Il rialzo dello spread è un segnale chiaro. E le parole spese in passato dall’attuale presidente della Bce ricordano che l’aria a Francoforte è profondamente cambiata. Lagarde lo diceva già a marzo 2020, con una precisione che lasciava poco spazio alle interpretazioni, “Non siamo qui per chiudere gli spread, ci sono altri strumenti e altri attori per questi problemi”. In questo approccio c’è tutta la differenza con il suo illustre predecessore, il Draghi del whatever it takes, capace di rassicurare con una frase e di girare il mood delle sale operative con un impegno insieme istituzionale e personale.  

Oggi la Bce di Lagarde ribadisce che il suo compito non è quello di preservare la stabilità finanziaria dei singoli Stati membri. E il contesto fa il resto. La fine degli acquisti del Qe dal 1 luglio; il primo rialzo dei tassi, da 25 punti base, alla prossima riunione del consiglio direttivo, il 21 luglio; un secondo rialzo a settembre, di dimensioni che “dipenderanno dalle riviste prospettive dell’inflazione”. Ce n’è abbastanza per trasmettere il messaggio che è finita la copertura della Bce, che consentiva una navigazione in acque protette, e che da oggi in poi sarà necessario fare in conti con una navigazione in mare aperto.  

La differenza sostanziale tra Lagarde e Draghi non è solo nelle competenze e nel peso politico. E’, soprattutto, nell’interpretazione del ruolo di presidente della Bce. Siamo di fronte al rischio concreto di una nuova crisi economica globale e c’è una risorsa sostanziale in meno. Nelle precedenti crisi economiche globali (2008 e 2011) a Francoforte c’era un uomo capace di portare fino al limite i rigidi limiti imposti dallo Statuto della Bce, che individua nella stabilità dei prezzi l’obiettivo primario, sconfinando spesso e volentieri nel sostegno alla crescita e all’occupazione e non rinunciando, quando necessario, a richiamare all’ordine i governi responsabili delle politiche economiche. Un’interpretazione estensiva, spesso conquistata con ruvide battaglie in Consiglio, che oggi non è immaginabile.  

Oggi l’Italia ha Draghi alla Presidenza del Consiglio, con una legislatura agli sgoccioli e con una maggioranza tanto larga quanto conflittuale. E non a più alla Bce la sponda di un presidente capace di proteggerla. Non perché Christine Lagarde non sia un presidente all’altezza ma perché Lagarde si limita a svolgere il suo ruolo, secondo mandato. Lagarde non è Draghi. E questo per l’Italia può diventare un problema. 

(di Fabio Insenga)  

 

FLASH

Le ultime

A Milano arriva il festival dei vini ancestrali

Parliamo dei vini ancestrali e rifermentati in bottiglia (col fondo, sur lie, sui lieviti), che oggi trovano un rinnovato interesse da parte di un...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.