Viaggio a Mosca di Salvini, il Pd all’attacco: “Spieghi le ambiguità”
V

La striscia

(Adnkronos) – La Lega nasconde “le gravi ambiguità che emergono, ogni giorno in modo più evidente, in merito al viaggio a Mosca programmato da Salvini”. E’ la presidente dei senatori dem Simona Malpezzi a suonare la carica del Pd contro il leader della Lega. Dopo le precisazioni dell’ambasciata russa in Italia sul viaggio (saltato) a Mosca (“abbiamo assistito Matteo Salvini e le persone che lo accompagnavano nell’acquisto dei biglietti aerei”), i parlamentari Pd hanno presentato il conto al segretario del Carroccio: “Non ci racconti la frottola che andava a fare la pace”. 

“La risposta migliore agli assurdi e ingiustificati attacchi di Salvini e della Lega al Pd è la lettera di Enrico Letta a ‘La Stampa’. Noi, al contrario loro, vogliamo occuparci del futuro dei giovani e della necessità di guidare una transizione giusta che protegga cittadini e imprese. La Lega attacca in modo scomposto per nascondere le gravi ambiguità che emergono, ogni giorno in modo più evidente, in merito al viaggio a Mosca programmato da Salvini”, spiega la Malpezzi. 

Ma tutti i deputati e senatori dem sono sulla linea della capogruppo a palazzo Madama, uniti nel puntare il dito sull’ex ministro dell’Interno: “L’ambasciata russa conferma il viaggio di Salvini e gli incontri programmati. Confermano anche di avergli pagato loro il biglietto. Cosa andava Salvini a fare a Mosca a spese della Russia? Non ci racconti la frottola che andava a fare la pace”, scrive su Twitter la deputata Lia Quartapelle.  

I dem, tra l’altro, discutono del passaggio parlamentare del premier Draghi in programma il prossimo 21 giugno, quando i 5 stelle la maggioranza potrebbe spaccarsi sulla questione delle nuove armi da inviare a Kiev. “Noi pensiamo che non si debba avere paura di un voto in Parlamento. Il governo italiano ha agito in modo chiaro, sulla base di un mandato delle Camera anche all’unanimità e in un quadro europeo. Questa è la strada da seguire. Poi è ovvio che siamo in prima linea per il cessate fuoco e la trattativa”, ha detto capogruppo del Pd alla Camera Debora Serracchiani.  

Sul fronte diplomatico, il Pd è impegnato con una pattuglia di suoi parlamentari (Enrico Borghi, Lia Quartapelle, Andrea Romano, Fauto Raciti) a Kiev nell’ambito di una missione parlamentare. “Il benvenuto sul suolo ucraino è il sibilo della sirena antiaerea. Sono le 2.30 della mattina del 9 giugno, e il treno viene fermato nella stazione ferroviaria di Leopoli”, scrive sulle sue pagine social Borghi a proposito del viaggio.  

 

 

FLASH

Le ultime

A Milano arriva il festival dei vini ancestrali

Parliamo dei vini ancestrali e rifermentati in bottiglia (col fondo, sur lie, sui lieviti), che oggi trovano un rinnovato interesse da parte di un...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.